';

Scoglitti: tenta di forzare il domicilio della moglie con un’ascia. Arrestato marito violento


Continuava a voler entrare in casa della moglie nonostante il divieto di avvicinamento familiare. E’ successo il 29 luglio, quando la polizia ha arrestato L.E., 32 anni, già noto alle Forze dell’Ordine, colto in flagranza di reato, accusato di violazione di domicilio aggravata dall’uso di armi.

L’episodio si è verificato a Scoglitti intorno alle 18.00: un uomo in escandescenza tentava di introdursi con violenza all’interno dell’abitazione della moglie.

L’uomo veniva rintracciato dagli agenti sul pianerottolo, ubriaco, con in mano un’ascia che, alla vista dei poliziotti, cercava di nascondere sotto lo zerbino dell’abitazione della donna.

L.E. veniva immediatamente bloccato dai poliziotti ed è stato arrestato. E’ emerso che già mesi addietro l’uomo era stato denunciato a piede libero per maltrattamenti in famiglia ai danni della moglie, tanto da essere stato sottoposto alla misura cautelare dell’allontanamento dalla casa familiare, con divieto di avvicinamento ai luoghi frequentati dalla vittima.

Inoltre, veniva accertato che alcune ore prima dell’intervento della Volante era riuscito ad avvicinare la moglie e ad aggredirla, tanto procurarle degli ematomi agli arti superiori con prognosi di sette giorni e che per tali fatti la donna aveva immediatamente sporto denuncia presso la Compagnia Carabinieri di Vittoria.

Ha tentato di forzare dunque il portone, nonostante ci fosse in casa anche la figlia di nove anni, e ha minacciato la moglie di morte.

L’uomo è stato arrestato per il tentativo di violazione di domicilio aggravato e, su disposizione del Pubblico Ministero di turno, condotto presso la Casa circondariale di Ragusa a disposizione dell’Autorità giudiziaria.

Inoltre, L.E. è stato ulteriormente denunciato per il reato di violazione del divieto di avvicinamento impostogli dal Giudice per le Indagini Preliminari.