Nas di Ragusa: a Floridia, un autista e un'infermiera non erano vaccinati. 160 le ambulanze irregolari in tutta Italia - Ragusa Oggi

Nas di Ragusa: a Floridia, un autista e un’infermiera non erano vaccinati. 160 le ambulanze irregolari in tutta Italia


Condividi su:


Nas di Ragusa: a Floridia, un autista e un’infermiera non erano vaccinati. 160 le ambulanze irregolari in tutta Italia
Ragusa
10 giugno 2021 10:52

A Ragusa nell’ambito dei controlli è emerso che un autista e una infermiera, impegnati in servizio con l’ambulanza in assegnazione alla postazione del Pronto Soccorso Sanitario 118 del comune di Floridia, non erano stati sottoposti alla vaccinazione per il Covid-19.

A Milano i carabinieri del Nas hanno eseguito un provvedimento di sospensione all’impiego dell’ambulanza nei confronti di un’associazione a carattere sanitario a causa delle gravi carenze funzionali e igieniche nella dotazione di bordo, come la mancanza di dispositivi e di materiali obbligatori in caso di intervento. Numerose prescrizioni di adeguamento sono state imposte anche per i locali adibiti come sede della società e rimessa dei veicoli.

A Pescara l legale responsabile della postazione territoriale di emergenza (118) di Avezzano è stato sanzionato per aver mantenuto in servizio 3 ambulanze con presenza di rifiuti a bordo, abitacoli non sanificati e, per una di esse, con chilometraggio percorso superiore al limite massimo previsto dalla normativa. Ad Alessandria è stato invece deferito alla competente autorità giudiziaria il presidente di un’associazione operante nella provincia di Alessandria poiché, nel corso di ispezione, all’interno di un’ambulanza, sono state rinvenute due bombole di gas medicinale, una collegata al ventilatore polmonare e la seconda riposta nello zaino di soccorso per un totale di 4 litri di ossigeno, risultate scadute di validità dal mese di marzo scorso, immediatamente sottoposte a sequestro.

Ad Udine nel corso di una verifica dell’ambulanza appartenente ad un’associazione onlus di Manzano (UD), all’interno del veicolo sono state rinvenute e sequestrate 4 confezioni di farmaci scaduti ed una bombola carica collegata all’impianto di ossigenoterapia del trasportato, risultata scaduta di validità da luglio 2018. A Parma in un’associazione senza fini di lucro impegnata nell’assistenza sanitaria, sono stati sequestrati, 255 dispositivi medici (ago cannule, filtri anti-battericovirali e anti-elettrostatici, cannule orofaringee, maschere per anestesia e per ossigeno, sonde endotracheali oronasali, deflussori, manicotti e guanti sterili), tutti recanti la data di validità decorsa. I dispositivi, del valore complessivo di circa 2.500 euro, erano detenuti in parte all’interno delle ambulanze e in parte nel magazzino scorte. Sono contestate violazioni amministrative per un importo complessivo di 42.800 euro.


Condividi su:


Commenti

Post nella stessa Categoria