Anche da Ragusa "Movimenta" vuol ripensare al futuro della Sicilia. Ieri la presentazione del nuovo soggetto politico - Ragusa Oggi

Anche da Ragusa “Movimenta” vuol ripensare al futuro della Sicilia. Ieri la presentazione del nuovo soggetto politico


Condividi su:


Anche da Ragusa “Movimenta” vuol ripensare al futuro della Sicilia. Ieri la presentazione del nuovo soggetto politico
Politica
3 settembre 2018 14:08

Un viaggio politico, collettivo, creativo. “Movimenta” incomincia a ripensare al futuro della Sicilia. “Perché iniziare da qui? Perché questa terra è il centro del mondo – spiega Alessandro Fusacchia, segretario nazionale del nuovo movimento politico – Un coast to coast da Catania a Palermo, una campagna itinerante di ascolto e scoperta di realtà e persone interessanti, con cui condividere il progetto di “Movimenta” e confrontarsi su come costruire entro il 2030 una Sicilia sostenibile”.

Ieri sera la tappa a Ragusa ha visto la visita ai luoghi simbolo della creatività iblea. Si è partiti dalla Galleria Giuseppe Leone, la galleria del famoso fotografo siciliano, per un viaggio storico-culturale alla scoperta delle radici e della grande bellezza barocca in compagnia del grande maestro. La giornata si è conclusa al “Delicatessen in drogheria” alla scoperta della visione imprenditoriale di Marco Brugaletta e di altri soggetti del territorio. Una serata che ha visto coinvolti infatti anche altri protagonisti delle attività o degli eventi che danno lustro alla città di Ragusa, come Alessando Di Salvo di “A Tutto Volume”, l’architetto Gaetano Manganello, Federica Schembri di “Bassi Comunicanti” e Vincenzo Cascone di “Festiwall”. Tanti i punti di vista e le visioni territoriali, e come spesso accade in queste grandi occasioni anche un’unica domanda: come immaginiamo la Sicilia fra 10 anni? Ma questa domanda è già una risposta.

“Servono sforzi nella creazione di un nuovo patrimonio culturale. Uniamo le forze per far fiorire i talenti, facendo sì che la cultura e i modelli di rigenerazione dei nostri territori, vincano su tutto.” Questo il saluto del notaio Andrea Bartoli, promotore di “Farm” a Favara, in prima linea in Sicilia insieme a “Movimenta” per un progetto politico che in verità non sta solo nascendo dal basso, ma dalla voglia di arrivare in alto.
di Giampaolo Battaglia

 


Condividi su:


Commenti

Post nella stessa Categoria