';

Ragusa si prepara a celebrare San Francesco


Con la collocazione del simulacro dalla nicchia che lo ospita tutto l’anno all’altare centrale, hanno preso il via, a Ragusa, nel pomeriggio di domenica scorsa, i festeggiamenti in onore di San Francesco. E’ il parroco, il sacerdote Nicola Iudica, a chiarire che “anche quest’anno la festa sarà vissuta in maniera differente a causa dell’emergenza sanitaria. Non ci saranno momenti esterni – spiega – e non ci sarà la processione. Ma saranno scadenzate tutta una serie di iniziative liturgiche e culturali che speriamo possano suscitare l’attenzione dei componenti della nostra comunità parrocchiale”. La festa vera e propria cade, come sempre, il 4 ottobre.

E’ prevista la presenza del nuovo vescovo di Ragusa, mons. Giuseppe La Placa. “Sarà un bel momento per tutti noi – sottolinea padre Iudica – perché davvero il nostro nuovo pastore sa parlare con parole semplici che toccano l’animo di ciascuno di noi nel profondo.

E se questo accade proprio in prossimità della festa di San Francesco, allora l’emozione diventa più grande”. Al momento, il programma, i cui contenuti saranno resi noti più nel dettaglio nei prossimi giorni, prevede le messe vespertine alle 18,30.

“Quando saremo più sotto data – dice ancora padre Iudica – saranno molti i sacerdoti che si alterneranno e che consentiranno alla nostra comunità di vivere intensi momenti di catechesi”. Ci sarà, anche, un momento dedicato all’inaugurazione di nuovi locali parrocchiali e non mancherà, naturalmente, la tradizionale benedizione degli animali. Torna anche l’illuminazione speciale della porta centrale della chiesa per dare il segnale della festa.