Modica: 60 ore al pronto soccorso di prima di assegnarle un posto letto


Una donna di Modica ha dovuto attendere due giorni e mezzo al pronto soccorso dell’ospedale di Modica prima che le venisse assegnato un posto letto. 60 ore al pronto soccorso.

“E’ questa la sanità ereditata da cinque anni di governo del centrodestra in Sicilia, una sanità a pezzi e che i siciliani non meritano”. Lo dice il parlamentare regionale del Partito Democratico, Nello Dipasquale, commentando la notizia. “La sanità siciliana è fatta di ritardi, disservizi e lunghe liste d’attesa per gli accertamenti diagnostici – evidenzia Dipasquale – ma le responsabilità non sono dei medici né degli altri lavoratori del settore: la verità è che negli ultimi cinque anni abbiamo assistito all’uomo solo al comando e a una serie di spot su una sanità che in realtà non ha alcuna organizzazione né qualità dei servizi.

Ho scritto al nuovo assessore Giovanna Volo per segnalare l’episodio di Modica e per chiedere su quali linee il nuovo governo regionale intenda muoversi. Sappia il governo Schifani – conclude il deputato regionale del PD – che il Pd intende difendere la sanità pubblica, non accetteremo nuovi passi indietro in favore dei privati e siamo pronti alla mobilitazione”.

Invia le tue segnalazioni a info@ragusaoggi.it