Il divertente autogol del Movimento 5 Stelle di Ragusa: "Ci sono i clandestini al porto. Anzi no" - Ragusa Oggi

Il divertente autogol del Movimento 5 Stelle di Ragusa: “Ci sono i clandestini al porto. Anzi no”


Condividi su:


Il divertente autogol del Movimento 5 Stelle di Ragusa: “Ci sono i clandestini al porto. Anzi no”
Attualità
23 maggio 2020 18:32

Evidentemente c’è chi, tra il Movimento 5 Stelle, questo sabato pomeriggio non aveva molto da fare e ha mal pensato di lanciare, con un comunicato stampa, quella che si è presto rivelata essere una fake news. E’ stato il capogruppo grillino Sergio Firrincieli ad annunciare che forse al porto turistico c’era stato uno sbarco di clandestini. Ma dopo una buona mezz’ora, ha smentito se stesso. Insomma un evidente autogol.

Prima la diffusione della notizia non accertata, evidentemente, fino in fondo: “Un arrivo di clandestini al porto di Marina di Ragusa? E’ la prima volta o ci sono già stati altri episodi? E perché il sindaco non è intervenuto comunicando quello che stava accadendo alla cittadinanza? E, soprattutto, chi garantisce che siano state rispettate le misure anticontagio?”.

Passa un po’ di tempo e arriva sempre dal Movimento 5 Stelle la smentita di quanto da loro affermato, ma con tanto di richiesta di chiarimenti da parte del sindaco pur se non è vero che siano arrivati clandestini: “Sembra che si tratti di una famiglia palermitano-romena domiciliata nel capoluogo isolano – aggiorna adesso il capogruppo del Movimento 5 Stelle di Ragusa – E sembra che l’arrivo al porto turistico di Marina sia stato autorizzato. A quanto pare, inoltre – prosegue Firrincieli – tutto sarebbe avvenuto nel rispetto dei protocolli anticontagio considerato che il natante arrivava da Malta. E’ stato, comunque, opportuno che sulla vicenda, dopo le segnalazioni, si facesse chiarezza per capire che cosa era realmente accaduto oggi al porto turistico di Marina. Resta da capire perché è stato scelto il porto di Marina e non quello di Pozzallo. E restano da sciogliere gli interrogativi sui motivi che hanno permesso questo trasferimento in un periodo in cui le frontiere sono chiuse”.

Ed ancora: “Riteniamo che il sindaco, in quanto massima autorità sanitaria cittadina, debba intervenire sulla delicata questione. Sempre per quanto riguarda il primo cittadino, inoltre, ci uniamo all’appello alla ragionevolezza che lo stesso ha lanciato in questi ultimi istanti rispetto alla necessità di evitare assembramenti. Perché l’emergenza sanitaria non si è ancora conclusa e soltanto se si rispetteranno le norme si potrà evitare un nuovo lockdown. Ringraziamo, in ultimo, le forze dell’ordine che oggi hanno fornito assistenza a questo sbarco autorizzato al porto turistico e che hanno fatto sì che tutto potesse procedere senza problemi di sorta”.

Nel frattempo anche il Porto Turistico di Marina di Ragusa, contattato dai giornalisti, diffonde una nota che chiarisce ogni cosa e nei fatti spiega che non c’è stato nessun sbarco di clandestini: “Nessuno sbarco di clandestini al Porto Turistico di Marina di Ragusa. Sono categoricamente da smentire le notizie diffuse tramite un comunicato stampa locale. Ad arrivare al porto turistico è stata un’imbarcazione con bandiera maltese per un scalo tecnico. Una volta attraccata, un gruppo di cittadini comunitari ha chiesto di poter scendere a terra. La direzione del porto, seguendo le attuali normative, ha immediatamente contattato i Carabinieri e la Capitaneria di Porto che hanno gestito la presenza di queste persone in sinergia con la Sanità Marittima Usmaf di Siracusa, competente per territorio. Verificate le condizioni di salute, secondo le procedure anticovid, le forze dell’ordine hanno autorizzato lo sbarco e stabilito il trasferimento a Partinico, dove risiede il capofamiglia, per la quarantena”.

Insomma tutto è bene quel che finisce bene, mentre il Movimento 5 Stelle dovrebbe fare più attenzione nella diffusione di notizie che poi non sono verificate o addirittura veritiere, soprattutto in un momento così delicato come quello che stiamo tutti noi vivendo. Ma evidentemente si pensa di fare opposizione in questa maniera.


Condividi su:


Leggi anche

Un venerdì sera, a Vittoria. Come si interpreta la Fase 2. VIDEO


Commenti

Post nella stessa Categoria