Virtus Ispica si prepara alla gara contro Modica


Sarà un’altra partita da giocare sino in fondo, di quelle in cui non bisognerà mollare sino all’ultimo minuto del tempo di recupero. Una partita in cui dimostrare sino in fondo il proprio valore così come accaduto con il Real Siracusa e con la Nebros.

Per la Virtus Ispica, un altro test di maturità dall’altissimo coefficiente di validità. Domenica, infatti, con inizio gara alle 14,30, allo stadio comunale di Pozzallo arriverà la corazzata Modica. “Massimo rispetto – dice il tecnico dei giallorossi, Giuseppe Trigilia – ma non siamo intimoriti. Ci siamo allenati con una certa efficacia nel corso della settimana e, anche se dovrò rinunciare ad alcuni elementi, so che chi sarà chiamato in campo darà il massimo per cercare di contribuire alla causa”.

L’allenatore, infatti, dovrà fare a meno dei centrali Dipasquale e Sakho oltre all’attaccante Blanstein. “Non sarà una partita facile – afferma ancora Trigilia – ma, per quanto ci riguarda, non esistono gare semplici perché sappiamo che ogni incontro si dimostra molto impegnativo e quindi è necessario dare delle risposte di un certo tipo sul campo. Sappiamo che loro si trovano in una fase molto positiva, che hanno anche preso consapevolezza del fatto di essere un buon organico.

Ma questo non ci intimidisce. Anzi, ci fornisce lo sprone per cercare di dare ancora di più visto che, sulla carta, ci sarà un gap da colmare. Giochiamo, poi, dinanzi ai nostri tifosi e avremo ancora un motivo in più per cercare di dare il massimo. Non possiamo permetterci di partire battuti. Anzi, giocheremo come abbiamo fatto nelle partite più impegnative, mettendo in campo il 150% delle nostre possibilità. Solo così, solo se ci sarà una prestazione importante come credo che accadrà, potremo proporci in maniera competitiva. Ed è quello su cui ho cercato di lavorare in queste giornate”.

Invia le tue segnalazioni a info@ragusaoggi.it