Successo di partecipazione per il convegno a Scicli dedicato a Quintino Cataudella - Ragusa Oggi

Successo di partecipazione per il convegno a Scicli dedicato a Quintino Cataudella


Condividi su:


Successo di partecipazione per il convegno a Scicli dedicato a Quintino Cataudella
Cultura
19 giugno 2017 13:28

  “Un grande successo di pubblico per un evento dall’altissimo livello culturale ed istituzionale. Non potevamo attenderci di più per la prima iniziativa della nostra associazione”: così il presidente di Prospettive Iblee, Prof. Giuseppe Mariotta, dopo il convegno “Tradizione classica, archeologia e storia negli Iblei: il nostro futuro?” che ha riempito Palazzo Spadaro nella giornata di sabato. L’iniziativa è stata organizzata per onorare la memoria di un cittadino illustre di Scicli: il prof. Quintino Cataudella (1900-1984), filologo, latinista e grecista.

Un giornata di studi organizzata in due sessioni, che ha visto alternarsi al tavolo della presidenza, tra gli altri, il Ministro della Pubblica Istruzione, Valeria Fedeli, la Senatrice Venera Padua, il Magnifico Rettore dell’Università di Catania, Francesco Basile, il Soprintendente di Ragusa, Calogero Rizzuto, il Prefetto di Ragusa, Carmela Librizzi, e il Sindaco di Scicli, Enzo Giannone. Presenti anche le massime rappresentanze territoriali delle forze armate.

Una vera e propria giornata di studi con autorevolissimi relatori (storici dell’antichità, archeologi, storici contemporanei, accademici ed esperti di varie discipline) per una riflessione consapevole sulla storia e sulle vicissitudini che, nel corso dei secoli e dei millenni, hanno caratterizzato l’area iblea.

Il Ministro Fedeli, oltre a dichiararsi favorevolmente colpita per la bellezza di Scicli, ha sottolineato come iniziative del genere siano da sostenere e promuovere in quanto senza cultura e consapevolezza del proprio passato non si può costruire ed immaginare il futuro.

“Partendo dall’invito del prof. Michele Cataudella, figlio del prof. Quintino, di trapiantare a Scicli un congresso biennale sulla Sicilia antica che prima si teneva a Palermo – aggiunge il prof. Mariotta – e dai complimenti che sono venuti da tanti, la nostra associazione si impegna a non fermarsi e andare avanti con iniziative di alto livello culturale, degne di un luogo carico di storia e di ricchezza artistica e monumentale come Scicli”.

L’associazione Prospettive Iblee ringrazia tutti coloro che hanno reso possibile, con il loro prezioso contributo, questo evento: il Senato della Repubblica nella persona di Venera Padua, l’Università degli Studi di Catania, il Comune di Scicli, la Banca Agricola Popolare di Ragusa, la Fondazione Confeserfidi, Vacanze Unesco e l’Istituto Alberghiero Principi Grimaldi di Modica.


Condividi su:


Commenti

Post nella stessa Categoria