Papa Francesco: "Chi è mafioso non è cristiano". VIDEO - Ragusa Oggi

Papa Francesco: “Chi è mafioso non è cristiano”. VIDEO


Condividi su:


Papa Francesco: “Chi è mafioso non è cristiano”. VIDEO
Attualità
15 settembre 2018 12:04

“Non si puo’ credere in Dio ed essere mafiosi. Chi è mafioso non è cristiano”. Così Papa Francesco durante la messa a Palermo in onore del beato don Pino Puglisi davanti ad una folla di 80 mila persone, moltissimi giovani e tante famiglie. “Ai mafiosi dico: cambiate fratelli e sorelle! Smettete di pensare a voi stessi e ai vostri soldi, convertitevi al vero Dio di Gesù Cristo! Altrimenti, la vostra stessa vita andrà persa e sarà la peggiore delle sconfitte”. “Se la litania mafiosa è: ‘Tu non sai chi sono io’, quella cristiana è: ‘Io ho bisogno di te’. Se la minaccia mafiosa è: ‘Tu me la pagherai’, la preghiera cristiana è: ‘Signore, aiutami ad amare’”, ha detto il Pontefice nell’omelia. “Non si può credere in Dio ed essere mafiosi. Chi è mafioso non vive da cristiano, perché bestemmia con la vita il nome di Dio-amore. Oggi abbiamo bisogno di uomini e di donne di amore, non di uomini e donne di onore; di servizio, non di sopraffazione; di camminare insieme, non di rincorrere il potere”.

Dopo essere stato a Piazza Armerina stamani, il pontefice si è spostato nella capitale dell’isola mediante un elicottero atterrato al porto. Il papa celebra la messa nella ricorrenza liturgica del beato Pino Puglisi. L’area è affollata da decine di migliaia di persone che acclamano il Pontefice al suo passaggio: tra la folla spicca un grande striscione “Rinnoviamo la Chiesa”.

 Durante la messa che il Papa celebra stamane al Foro Italico, a Palermo, nella memoria liturgica del beato Pino Puglisi, nella “preghiera universale” si prega anche per le vittime di mafia. “Per le vittime della mafia, della criminalità organizzata e di ogni violenza – recita la preghiera -; per i perseguitati a causa della verità e della giustizia; per quanti soffrono fame, mancanza di lavoro, di casa e di cure perché il grido dei poveri giunga sino al cielo e tocchi il cuore dei potenti e degli oppressori. Noi ti preghiamo”.

Una preghiera riguarderà anche la figura del Pontefice: “Per il papa Francesco perché nel suo instancabile ministero a servizio della Chiesa e della famiglia umana sia sostenuto dalla forza dello Spirito Santo, dalla comunione dei vescovi e dalla docilità di tutti i fedeli. Noi ti preghiamo”. Il Papa ha parlato anche dell’importanza dell’accoglienza dei migranti e si è più volte soffermato su Don Pino Puglisi. Accanto a lui il vescovo di Palermo, il modicano Corrado Lorefice.

GUARDA IL VIDEO DELLA DIRETTA DA PALERMO


Condividi su:


Commenti

Post nella stessa Categoria