NO AL PAGAMENTO TOSAP: ECCO LA PROPOSTA DI CONFESERCENTI - Ragusa Oggi

NO AL PAGAMENTO TOSAP: ECCO LA PROPOSTA DI CONFESERCENTI


Condividi su:


Economia
30 marzo 2012 15:20

“Non pagare le tasse per fronteggiare al meglio la crisi”. Suona un pò in questi termini la proposta lanciata da Confesercenti Ragusa al sindaco Nello Dipasquale. Di certo per tutti i cittadini sarebbe un allettante stratagemma per far fronte ad un periodo di crisi senza precedenti, ma la proposta avanzata non si può esporre in termini così semplicistici.

Dalle parole del presidente territoriale di Confesercenti Ragusa, Pippo Occhipinti, e del presidente Fiepet, Alessandro Cappellani, si comprende come questa proposta assuma un carattere temporaneo. Infatti l’idea di esentare le attività di somministrazione dal pagamento della Tosap arriva anche perché siamo ancora in attesa di procedere alla stesura della nuova regolamentazione dei dehors  e dell’uso degli spazi esterni. E poi come non pensare al grande regalo che si farebbe agli esercenti in grave crisi?

Infatti il presidente territoriale Giuseppe Occhipinti  ha spiegato: “Dopo un lungo e rigido inverno finalmente si intravede la bella stagione. Cominciano ad arrivare nella nostra città i primi turisti che ci fanno ben sperare e quindi intravedere, dopo lunghi mesi di astinenza, discreti incassi per i nostri esercenti, soprattutto per chi opera nei centri storici e nelle aree balneari. Assieme al presidente Fiepet, Cappellani, ho chiesto al sindaco di Ragusa, Nello Dipasquale, di rinnovare a tutte le attività che si occupano di somministrazione l’autorizzazione ad occupare gli spazi pubblici fin da subito ma esentandoli dal pagamento della tosap, in attesa delle nuove linee guide e del nuovo regolamento che dovrà consentire il pagamento annuale agevolato, come tra l’altro ho più volte richiesto”.

“Inoltre tale provvedimento – ha concluso Occhipinti – permetterebbe a tutti gli operatori di riprendere un po’ di fiato e di lavorare con maggiore serenità, incoraggiando la crescita della nostra economia”.

 


Condividi su:


Commenti

Post nella stessa Categoria