';

In Sicilia nascono i comitati “No aumenti luce e gas”


Nell’isola nascono i comitati “NO AUMENTI LUCE E GAS” promossi da CODACONS, Consumatori Italiani, Consaambiente, ORION, Lega Difesa del Cittadino e Associazione Utenti Servizi Radiotelevisivi.

Per i promotori l’impegno annunciato dal Premier Draghi per il contenimento delle bollette energetiche appare inadeguato e il fondo da 1 miliardo di euro che il Governo vorrebbe stanziare con la Manovra per limitare l’impatto delle tariffe non basterà ad evitare una nuova stangata sulle bollette di luce e gas.

“Negli ultimi 6 mesi e per effetto degli aggiornamenti trimestrali delle tariffe il gas ha subito un rincaro complessivo del +42,6%, mentre l’elettricità è aumentata del +31,9% – spiega il prof. Francesco Tanasi leader dei consumatori – Aumenti che si sono registrati nonostante il Governo abbia messo in campo 1,2 miliardi di euro a giugno e circa 3 miliardi di euro a settembre per contenere l’incremento delle bollette energetiche. Per tale motivo il fondo da 1 miliardo che dovrebbe essere stanziato con la Manovra non basterà a salvare le tasche dei consumatori, e potrà a malapena limare i rincari tariffari e la conseguente stangata che si abbatteranno sulle famiglie, come sostenuto anche da Arera che proprio ieri ha parlato di una chiara “tendenza a ulteriori rialzi dei prezzi dell’energia nell’immediato futuro”.

“Per tale motivo incontreremo i parlamentari di tutti gli schieramenti politici per chiedere interventi strutturali per ridurre le tariffe energetiche, attraverso un taglio definitivo della tassazione e degli oneri di sistema e l’eliminazione del canone Rai dalla bolletta elettrica” – conclude Tanasi.