Il Pd, con D'Asta, rilancia: "Sui rifiuti ha colpa Piccitto" - Ragusa Oggi

Il Pd, con D’Asta, rilancia: “Sui rifiuti ha colpa Piccitto”


Condividi su:


Il Pd, con D’Asta, rilancia: “Sui rifiuti ha colpa Piccitto”
Attualità
24 luglio 2017 11:52

“Non si può non considerare il fatto che sulla vicenda discarica, al di là di ordinanze contingibili e urgenti, l’amministrazione comunale di Ragusa a trazione Cinque Stelle si sia assunta una grave responsabilità e che, alla luce della grave emergenza igienico-sanitaria con cui abbiamo fatto i conti in queste ultime ore, gridino vendetta tutte le mancate occasioni che, negli ultimi anni, sollecitate anche dai noi del Pd, avevamo chiesto potessero essere poste in essere, a cominciare dalla realizzazione della quarta vasca a Cava dei Modicani, proprio per evitare che potesse verificarsi questo pesante disagio. Disagi, disservizi, raccolta differenziata ridotta e aumento delle tasse. Questo in sintesi l’operato portato avanti dai grillini nel campo dei rifiuti in questi quattro anni”.

Lo dice il capogruppo del Pd al Consiglio comunale, Mario D’Asta, il quale sottolinea che, pur essendo stato lanciato l’allarme in tempi non sospetti, “quest’amministrazione comunale ha continuato a dimostrarsi sorda e arrogante, decidendo di fare tutto da sola, sbagliando, senza cercare confronto con nessuno. E’ chiaro che non si amministra in questo modo e che questa vicenda è destinata ad arrecare danni e disagi insopportabili e incalcolabili al nostro territorio”.

Già dopo un anno di amministrazione pentastellata, il Pd aveva lanciato l’allarme. “Avevamo preannunciato – continua D’Asta – il rischio del disastro ambientale tempo addietro. Di anni, adesso, ne sono passati quattro. Ma non è cambiato nulla. Anzi, se possibile, il quadro complessivo è peggiorato. I disservizi sono sotto gli occhi di tutti per non parlare della differenziata che non solo non ha compiuto quel salto di qualità più volte auspicato ma che si è pure ridotta. Così come auspicato era l’ampliamento della discarica. E, invece, cosa ha fatto l’amministrazione Piccitto? Ha volutamente eliminato dal Piano triennale delle opere pubbliche la quarta vasca, tutte circostanze che, adesso, finiscono con l’avere ripercussioni estremamente negative. Era stato chiesto il rafforzamento e l’ampliamento della terza vasca per assicurare la prosecuzione di utilizzabilità del sito. Ma anche in questo caso le risposte che sono arrivate non sono state per nulla soddisfacenti. Il momento è critico, molto critico. E di tutto quello che sta succedendo, proprio per quanto accaduto in passato, l’attuale amministrazione non può addossare responsabilità ad altri. Tutto ciò è il frutto di scelte negative assunte in passato. In ogni caso, chiederemo che il sindaco venga a relazionare in Consiglio comunale il prima possibile per illustrare alla città tutti i provvedimenti che ha fatto e che non ha fatto in merito a questa situazione critica che riguarda Cava dei Modicani”.


Condividi su:


Commenti

Post nella stessa Categoria