I medici di famiglia protestano. Previsto sit-in venerdì 28 dicembre - Ragusa Oggi

I medici di famiglia protestano. Previsto sit-in venerdì 28 dicembre


Condividi su:


I medici di famiglia protestano. Previsto sit-in venerdì 28 dicembre
Sanità
24 dicembre 2018 10:59

Si terrà Venerdì 28 Dicembre p.v. il sit-in organizzato da FIMMG (principale sindacato che rappresenta i medici di medicina generale) davanti la sede dell’Assessorato regionale alla Salute alle ore 10:30 in Piazza Ottavio Ziino. A far scoppiare il malcontento dei medici di famiglia siciliani, soprattutto dei giovani, è stato il Decreto Assessoriale, pubblicato in Gazzetta Ufficiale regionale il 21.12.2018, che permetterà a medici precari del servizio 118 di poter accedere dal 2019 al corso di formazione in medicina generale senza sostenere il consueto concorso annuale, senza avere alcuna limitazione di nessun tipo

“Questi colleghi – affermano i rappresentanti sindacali Fimmg – andrebbero a frequentare i tre anni di corso, acquisendo un diploma che per legge Italiana ed Europea dà diritto all’inserimento in graduatoria anche per le zone carenti di Continuità Assistenziale e di Assistenza Primaria. Viene da chiedersi come fanno in Assessorato a credere che un decreto Regionale possa in qualche modo avere più valenza di una Legge Nazionale o Europea”.

“La volontà – continuano – di stabilizzare i precari è più che lecita, la condividiamo in toto, ma la soluzione da intraprendere non può essere l’inserimento in un percorso formativo che prepara per la Medicina Generale, sapendo pure che a livello nazionale si sta lavorando per dividere completamente le due strade (MG ed Emergenza). A questo aggiungiamo che, così facendo, si rischia addirittura l’effetto opposto, cioè lo svuotamento dell’emergenza territoriale, problema non di secondo piano. Con l’intento di stabilizzare alcuni, si rendono precari molti (o tutti) colleghi che per passione e amore hanno scelto la Medicina Generale, vinto un concorso e studiato con fatica, per raggiungere gli obbiettivi sperati”.


Condividi su:


Commenti

Post nella stessa Categoria