';

Covid: Riesi e Mazzarino restano in zona rossa. E in provincia di Ragusa i contagi aumentano. Rischiamo anche noi? A Comiso tornano i tamponi rapidi


Con i numeri a disposizione fino a questo momento, non è del tutto irragionevole pensare che, continuando di questo passo, qualche rischio lo corre anche la provincia di Ragusa per quanto riguarda la possibilità di vedere anche dalle nostre parti qualche città diventare zona rossa. La provincia iblea ha fatto registrare ieri un boom di contagi: 175 in più in un solo giorno, secondo quanto fornito da Regione siciliana. Fra queste città, ci preoccupa maggiormente Santa Croce Camerina (105 positivi), considerando anche il numero degli abitanti piuttosto limitato, Vittoria (175) e Ragusa che segue a ruota (142). La situazione, insomma, non è delle migliori e non fa ben sperare per il futuro. E se rimane sotto controllo il numero dei ricoverati non può dirsi lo stesso per i positivi in isolamento domiciliare.

In serata dovrebbe arrivare la bozza del nuovo decreto per il passaggio dalle regioni: la Sicilia, se verrà scelto il criterio del numero di ospedalizzati e non quello dei positivi, dovrebbe restare bianca. Almeno per un po’.

Anche restando in zona bianca, qualche città siciliana potrebbe comunque diventare rossa, se l’indice di contagiosità in rapporto al numero di abitanti lo permette. Intanto, in Sicilia, restano ancora in “zona rossa” per una settimana i Comuni di Riesi e Mazzarino, in provincia di Caltanissetta, e Piazza Armerina, nell’Ennese. Lo prevede una nuova ordinanza del presidente della Regione Nello Musumeci.

Una buona notizia arriva da Comiso: il sindaco Maria Rita Schembari ha annunciato che da oggi, 22 luglio, tornano i tamponi rapidi, invocati da più parti e da molti sindaci della provincia di Ragusa. Si svolgeranno presso il piazzale del mercato ortofrutticolo secondo questo  calendario:
GIOVEDÌ 22 LUGLIO: 16.00-19.00
MARTEDÌ 27 LUGLIO:16.00-19.00
GIOVEDÌ 29 LUGLIO: 16.00-19.00
Il numero di tamponi per giornata è fissato a 250