';

Avola: maltrattamenti e violenza sessuale sulla compagna e la figlia disabile. Arrestato


Dopo anni di maltrattamenti e violenze a sfondo sessuale finisce l’incubo per una madre e la figlia disabile. Con l’accusa di maltrattamenti in famiglia, violenza sessuale aggravata e lesioni personali aggravate la Polizia ha arrestato ad Avola, nel Siracusano, il compagno 46enne della donna che per anni avrebbe abusato di lei e della figlia che la vittima aveva avuto da un precedente matrimonio.

 La coppia si era conosciuta nel 2015 e aveva iniziato una convivenza dalla quale erano nati dei figli. Con loro viveva anche la ragazza. Negli ultimi tre anni, però, la vita familiare era diventata un incubo: il 46enne era diventato violento e spesso la donna era stata costretta a subire percosse e violenze di ogni tipo. Maltrattamenti mai denunciati dalla vittima, che aveva evitato anche di ricorrere alle cure mediche pur avendone bisogno.

L’ultimo episodio di violenza è stato determinante: la sera del 29 settembre scorso la vittima ha trovato il coraggio di denunciare anni di vessazioni e violenze, con il compagno protagonista di richieste sessuali non gradite alle quali veniva costretta con la forza o con la minaccia di fare del male alla figlia ammalata. Adesso per il 46enne, però, si sono spalancate le porte del carcere. Il sostituto procuratore Chiara Valori, infatti, ha ottenuto dal gip di Siracusa, Carmen Scapellato la misura della custodia cautelare.