Il 9 maggio ritorna la Jazz Run


La Jazz Run cambia veste, adattandosi al particolare momento che stiamo vivendo e da corsa su strada diventa un cross, più gestibile in sicurezza in tempo di pandemia. E’ questa la principale novità della gara siciliana del prossimo 9 maggio, giunta alla quarta edizione (lo scorso anno, prevista in autunno, non venne disputata proprio a causa dell’emergenza sanitaria) e che permette all’Asd No al Doping di rimettersi in marcia dopo la dolorosa rinuncia all’organizzazione dell’edizione 2021 della Maratona di Ragusa.

Si gareggerà a Randello, su un circuito di 2 km che i concorrenti affronteranno per 4 volte, una kermesse che si annuncia appassionante su un tracciato disegnato all’interno della forestale di Randello, fra pini e boscaglia mediterranea. I corridori troveranno ad ogni giro 800 metri di asfalto alternati a 1.200 metri di trazzera bianca. Un percorso quasi completamente pianeggiante se si pensa che il dislivello totale per ogni tornata è di 20 metri.

La gara ipparina, inserita nel calendario nazionale Fidal, inaugurerà il 26esimo Grand Prix Sicilia e avrà un costo d’iscrizione molto contenuto, appena 8 euro da versare entro mercoledì 5 maggio alle ore 24:00 attraverso bonifico e provvedendo all’iscrizione all’indirizzo sicilia@mysdam.it.

Le gare inizieranno alle ore 9:00 con i concorrenti divisi in batterie, prima le categorie femminili e gli uomini Over 55, alle 10:00 la prima delle due serie riservate alle altre categorie maschili. La gara si svolgerà in assenza di pubblico e all’impianto potranno accedere solo gli atleti regolarmente iscritti e un tecnico di società. L’attesa in regione è già altissima, per il primo passo verso la ripresa completa.

Per informazioni: Ass.No al Doping, tel. 331.5785084, https://www.facebook.com/JazzRunVittoria

 

Invia le tue segnalazioni a info@ragusaoggi.it