Fase fredda entra nel clou, arriva il picco del maltempo con nevicate a bassa quota - Ragusa Oggi

Fase fredda entra nel clou, arriva il picco del maltempo con nevicate a bassa quota


Condividi su:


Fase fredda entra nel clou, arriva il picco del maltempo con nevicate a bassa quota
Attualità
11 gennaio 2019 15:05

La seconda ondata di freddo e neve di questo inverno, nonché del mese di gennaio, sta per entrare nel clou.

Entro la serata odierna rovesci e temporali sparsi abborderanno gran parte della fascia tirrenica centro-occidentale con locali grandinate e/o gragnolate sparse fin sulle coste. Sul resto dell’isola prevarranno condizioni di spiccata instabilità atmosferica con fenomeni localmente persistenti anche sul medio-basso trapanese, agrigentino (particolarmente esposto in presenza di ammassi nuvolosi in entrata da nord/nord-ovest) e versante ionico (interessato da ammassi piovosi in discesa da nord/nord-est che ruoteranno attorno al minimo di bassa pressione sullo Ionio). Qualche fenomeno isolato potrà raggiungere anche il nisseno, l’ennese ed il ragusano. Durante la mattinata le precipitazioni tenderanno a concentrarsi specialmente sul nord dell’isola e si attarderanno lungo l’appenino siciliano sino alla serata assumendo carattere prevalente orografico. Per quanto concerne la quota neve, la presenza di isoterme sino alla -2/-3°C ad 850hPa favorirà nevicate dai 600/700 metri sul comparto occidentale e settentrionale, a quote leggermente superiori altrove. Tra la tarda nottata e la mattinata invece, con l’arrivo di locali punte di -4/-5°C ad 850hPa, la dama bianca potrebbe attecchire localmente anche fin sotto i 500 metri d’altezza specie sulle aree più interne centro-occidentali e lungo l’appenino siciliano.

Venerdì 11 gennaio (pomeriggio-sera): nel pomeriggio piogge sparse con locali rovesci temporaleschi sul nord dell’isola, l’agrigentino e Sicilia centrale. In serata peggioramento più marcato specie lungo le aree centro-occidentali tirreniche con piogge e temporali sparsi. Possibili grandinate o gragnolate fin sulle aree costiere in presenza di forti fenomeni. Precipitazioni sparse con qualche temporale anche sul versante ionico con fenomeni soprattutto sul siracusano costiero. Neve generalmente in attecchimento oltre i 600/700 metri (in calo dalla serata) tra Sicani, monti del trapanese, monti del palermitano e appenino siciliano, oltre gli 800 metrialtrove. Le temperature saranno in definitivo ulteriore calo. Ventilazione debole-moderata dai quadranti settentrionali, possibile bonaccia in serata su buona parte della costa tirrenica. Mari da poco mossi a mossi, agitato il Canale di Sicilia.

Sabato 12 gennaio: durante la notte maltempo sparso sul comparto settentrionale ed occidentale isolano con piogge e locali temporali specie tra palermitano, agrigentino, messinese e trapanese. Altrove tempo in miglioramento anche se non si escludono locali fenomeni su ragusano, siracusano e Sicilia centrale. Tra mattina e pomeriggio nuvolosità irregolare sul nord dell’isola con fenomeni a macchia di leopardo, fenomeni sparsi sul trapanese e sull’alto catanese. Tempo asciutto altrove con tendenza a cessazione delle precipitazioni su tutto il territorio entro la giornata domenicale. Neve dai 500/600 metri in nottata mentre in mattinata non si escludono locali spolverate al di sotto della quota indicata specie sui rilievi centro-orientali settentrionali. Temperature in lieve aumento dal pomeriggio. Venti moderati-forti di tramontana. Mari mossi o molto mossi

 

Articolo di: Davide Pitarresi

©centrometeosicilia.it
Seguiteci su: https://www.facebook.com/centrometeosiciliano/
Canale Telegram: https://t.me/centrometeosicilia


Condividi su:


Commenti

Post nella stessa Categoria