Una App per riciclare meglio a Modica, arriva EcoModica - Ragusa Oggi

Una App per riciclare meglio a Modica, arriva EcoModica


Condividi su:


Una App per riciclare meglio a Modica, arriva EcoModica
Attualità
7 novembre 2018 16:07

 

Si chiama “EcoModica” l’app progettata da LocoStudio che mette in contatto diretto e a portata di telefono tutte le utenze del comprensorio di Modica. L’app che si potrà scaricare gratuitamente presso i Digital Store (ma presto dalla bolletta o dal carrellato per la differenziata) sarà utile come eco dizionario per la destinazione dei singoli rifiuti che potrà essere arricchito con il contributo dell’utente, per ricordare il calendario di raccolta (utenze commerciali, domestiche e scolastiche), per le segnalazioni in tempo reale con news e aggiornamenti e ovviamente i contatti telefonici con gli uffici ecologia.

Il sindaco e lo SVI.MED hanno poi siglato il protocollo d’intesa per la promozione e gestione del marchio “ConsumelessMed”. L’accordo impegna i sottoscrittori nella promozione e nella divulgazione del marchio tra gli operatori economici del settore turistico che operano principalmente nell’ambito dei comuni iblei (alberghi e strutture ricettive, bar, ristoranti, stabilimenti balneari e negozi).

Il marchio sarà rilasciato alle strutture che applicano specifiche azioni per la riduzione della produzione dei rifiuti e dell’uso di energia e della risorsa idrica.

“Stiamo marciando nella giusta direzione per la raccolta differenziata, dichiara l’assessore Pietro Lorefice, siamo al 42 per cento e contiamo di arrivare al 50 per cento entro il 31 dicembre prossimo,  grazie al popoloso quartiere Sorda che sarà potenziato con altri carrellati e scompariranno quelli verdi che adesso contengono ancora la indifferenziata. Tutto il processo di raccolta è tracciato e monitorato quotidianamente e segue percorsi definiti: questo a garanzia della raccolta e dell’utenza che partecipa alla selezione dei rifiuti.

Andremo ancora nei quartieri a spiegare la raccolta differenziata così come stiamo facendo con le forze sociale e i cittadini associati”.

Modica aderisce poi alla Settimana europea dei rifiuti pericolosi, come illustra la dr.ssa Enza Di Rosa, che si tiene dal 17 al 25 novembre. Tutte le scuole della città raccoglieranno apparecchiature elettriche ed elettroniche (RAEE) esauste e ormai fuori uso.

I primi due istituti che ne raccoglieranno di più in termini di pesatura avranno due premi che saranno consegnati mercoledì 19 dicembre p.v. in occasione della giornata dell’Eco Natale.

“Sono molto contento delle sinergie che stiamo mettendo in campo, commenta il Sindaco, Ignazio Abbate, e su come ci si è concentrati sulle attività che riguarda la raccolta differenziata ma più in particolare sulle attività che stiamo svolgendo con le scuole.

Un approccio culturale nuovo e innovativo che tende al riutilizzo dell’organico per salvare l’ambiente e arricchirlo con la produzione di concime.

Sulla raccolta valutiamo che siamo partiti con il piede giusto. Cominciando dalle campagne e dalla periferia per finire al centro città: questa è la ragione per la quale non si sono create discariche a cielo aperto. In questa direzione abbiamo dedicato un servizio che è quello di bonificare in tempi rapidi lo spazio accanto ai cassonetti stracolmi. Vogliamo potenziare qualitativamente uno standard già buono per chi vive la città e chi per chi ha deciso di visitarla tutto l’anno”.


Condividi su:


Commenti

Post nella stessa Categoria