Turismo: Il GAL Terra Barocca va verso il masterplan di sviluppo turistico e punta su "Enjoy Barocco" - Ragusa Oggi

Turismo: Il GAL Terra Barocca va verso il masterplan di sviluppo turistico e punta su “Enjoy Barocco”


Condividi su:


Turismo: Il GAL Terra Barocca va verso il masterplan di sviluppo turistico e punta su “Enjoy Barocco”
Economia
25 settembre 2020 20:30

Nascerà la destinazione turistica “Enjoy Barocco – sicilian experience”.  I territori dei Comuni di Ragusa, Modica, Scicli, Ispica e Santa Croce Camerina, tutti aderenti al GAL Terra Barocca, si uniranno in un’unica destinazione turistica la cui attività di comunicazione e promozione si muoverà sotto l’egida di un marchio-ombrello per  facilmente identificare l’intera area fortemente vocata al turismo grazie ai suoi monumenti barocchi patrimonio dell’Umanità, ai suoi caratteristici ambienti rurali, alle sue spiagge alcune con bandiera blu, all’enogastronomia d’eccellenza.

Ieri sera l’annuncio del nome di quello che sarà il marchio identificativo pronto a muovere i propri passi attraverso il masterplan di sviluppo turistico ormai in fase di stesura finale, redatto dal team di esperti del GAL Terra Barocca coordinati dal docente universitario Marco Platania e composto da Nicola Cerpelloni, Francesco Lucifora, Benedetto Puglisi e Simone Tumino.

Idee, contributi, proposte per giungere alla tappa finale sono arrivati ieri dai numerosi partecipanti all’incontro in brainstorming svolto al Giardino della Contea a Modica con l’adesione di più di 150 tra operatori turistici e commerciali che hanno dapprima ascoltato le relazioni degli esperti e poi, all’intero di tre differenti round, hanno offerto il proprio contributo per spingere verso l’unica linea direttrice della destinazione turistica. Enjoy Barocco metterà finalmente tutti i Comuni del GAL in rete tra loro a tutto beneficio dei turisti e degli stessi operatori.

“Siamo dinnanzi ad una vera e propria svolta – commenta Ignazio Abbate, presidente del GAL Terra Barocca – Dal territorio, grazie a queste riunioni, è emerso l’indirizzo su cui puntare per il mondo turistico e in condivisione con gli obiettivi prefissati ci siamo mossi adoperandoci opportunamente e, con i vari bandi, mettendo a disposizione i finanziamenti. Partiremo da un brand turistico, un marchio che raggrupperà i cinque territori dei Comuni e li renderà sempre più visibili a livello internazionale. Un lavoro straordinario che svilupperemo nei prossimi anni”.

“Building Tourism Together” ha dunque rappresentato l’ultima tappa di un cammino lungo, ma molto proficuo per la programmazione delle attività nel settore turistico nel nostro territorio, come conferma Salvatore Occhipinti, direttore del GAL Terra Barocca: “E’ il punto di arrivo del masterplan ma contemporaneamente è il punto di partenza di un lavoro che, secondo specifiche linee guida nate dall’ascolto e dal contributo del territorio stesso, servirà ad investire opportunamente nel campo turistico, sia in comunicazione che marketing territoriale anche grazie alla creazione di un portale e alla segnaletica turistica con una visione unitaria. Nel passaggio successivo ci sarà poi la costituzione del partenariato con dentro i privati che diventeranno dunque anche loro protagonisti dello sviluppo turistico”.

E lo si farà seguendo le esigenze del territorio come ribadito anche dal team degli esperti coordinati dal prof. Marco Platania: “L’idea lungimirante voluta dal cda del GAL Terra Barocca è stata quella di attivarsi fin da subito per pensare alla destinazione turistica secondo un ragionamento che va dunque oltre quello municipalistico. Il Sud Est siciliano è di grande attrattiva e questi cinque Comuni, con la regia del GAL, sono pronti a fare la loro parte da protagonisti.

Il lavoro svolto fino ad oggi ha permesso di raccogliere una serie di feedback molto importanti, giunti dagli operatori, in un’ottica di condivisione di obiettivi ed attività. Oggi sul mercato di vende la destinazione e non i singoli territori. Ed è proprio quello su cui si interverrà tra promozione e commercializzazione”.

 


Condividi su:


Commenti

Post nella stessa Categoria