Le sardine in piazza: "Ragusa non si lega" (o quasi) FOTO E VIDEO - Ragusa Oggi

Le sardine in piazza: “Ragusa non si lega” (o quasi) FOTO E VIDEO


Condividi su:


Modica
30 novembre 2019 21:35

Anche Ragusa a fianco delle altre città dove questo fine settimana si svolgono iniziative contro le idee politiche della Lega di Matteo Salvini. Questo sabato pomeriggio 30 novembre le “Sardine” iblee si sono ritrovate in piazza San Giovanni per manifestare immaginando un mondo di pace, solidarietà, crescita comune. Dunque anche “Ragusa non si lega” e non abbocca a principi e valori che non appartengono ai manifestanti. Il raduno intorno alle 19,30 e poi, poco dopo, brevi discorsi e tanti cartelli colorati a forma di sardina. Un paio di volte è stata intonata la canzone “Bella Ciao” e a seguire qualche canzone siciliana a testimonianza della forte identità territoriale.

Lo slogan annunciato era “Riempiamo Piazza San Giovanni a Ragusa”. All’appello, in verità, si sono presentate circa 600 persone, che hanno dunque riempito la piazza soltanto in parte nonostante le oltre già 7000 adesioni al gruppo social dedicato alla “sardine” della provincia di Ragusa. In ogni caso la mobilitazione e la volontà di ritrovarsi in piazza, per muovere anche lo stagno del mondo politico locale e nazionale, va sicuramente saluto positivamente.

Nessun simbolo di partito ma c’era comunque qualche esponente del Partito Democratico e di Italia Viva. Tra il pubblico anche “sardine” venute da Comiso, Scicli, Vittoria per aderire convitamente alla manifestazione nata anche a Ragusa per i valori legati all’antifascismo, solidarietà, rispetto, accoglienza e inclusione. Proprio come nel dna del movimento 6000 sardine nato in Emilia Romagna.

GUARDA IL VIDEO 

Le sardine di Ragusa in diretta

Publiée par RagusaOggi sur Samedi 30 novembre 2019

LEGGI ANCHE

E’ modicana una delle maggiori attiviste “sardine” della Toscana. E’ Matilde Sparacino e sta organizzando l’evento a Firenze contro Salvini. VIDEO


Condividi su:


Commenti

Post nella stessa Categoria