La Sicilia incontra il Piemonte al ristorante La Fenice dello chef Claudio Ruta - Ragusa Oggi

La Sicilia incontra il Piemonte al ristorante La Fenice dello chef Claudio Ruta


Condividi su:


La Sicilia incontra il Piemonte al ristorante La Fenice dello chef Claudio Ruta
Food
9 gennaio 2020 9:05

Ragusa chiama Piemonte e lo fa a accompagnando alla cucina dello chef una stella Michelin del ristorante La Fenice, Claudio Ruta, i vini della storica cantina piemontese Angelo Negro e figli che da tre generazioni sulle colline del Roero racconta la passione per il territorio e la viticultura attraverso i loro vini. “L’incontro – spiega lo chef Ruta- è avvenuto sul terreno dell’autenticità e della tradizione. La mia cucina, che privilegia un punto di vista profondamente appassionato di quanto il territorio ragusano ci mette a disposizione nella sua generosità, sarà accompagnata dall’evocazione di un altro territorio con una storia forte: il Piemonte dei Barolo, dei Barbaresco e del Barbera, vini che hanno disegnato la storia della viticultura italiana. Nella nostra food valley, come viene oggi percepita Ragusa e la sua provincia, saranno ospiti d’eccezione”.

Il menu di Claudio Ruta si prepara a sfoderare i sapori più strutturati della cucina territoriale per sostenere i rossi piemontesi.
Dall’ entrée di pizza di verdure cotte e crude (“le passeggiate per i campi sono una mia passione da sempre”, racconta lo chef Ruta) accompagnata dal Roero Arneis DOCG, metodo classico brut, si passerà a tre antipasti che proporranno gli ingredienti tipici del territorio ibleo: battutino di modicana, vinaigrette di carrubo e senape, uovo di gallina livornese in camicia con patate tardive schiacciate, lenticchia beluga e speck di suino nero siciliano, accompagnati dal Nicolon Barbera d’Alba doc.

Il primo piatto è un omaggio agli ospiti piemontesi: un carnaroli riserva mantecato al burro acido, con bocconcino di foie, gelatina di vino, pesto di noci e prugne che duetterà con un Basarin Barbaresco DOCG. A seguire uno dei vini che hanno fatto la storia della cantina Negro: il Barolo DOCG del Comune di Serralunga d’Alba, che incontrerà i sapori decisi del ganascino di manzo stufato per 10 ore con sedano rapa, chatin e chips di topinambur. Pere affumicate in salsa al cioccolato con nocciole e frutti di bosco chiuderanno la serata in dolcezza con un Birbet mostro d’uva parzialmente fermentato rosso.

Una maratona del gusto che porterà a tavola storie, tradizioni e percorsi diversi eppure fortemente evocativi della cultura enogastronomica italiana.
La cena con degustazione dei vini piemontesi della cantina Angelo Negro e figli si svolgerà il prossimo 18 gennaio. È necessaria la prenotazione.


Condividi su:


Commenti

Post nella stessa Categoria