La cucina delle isole alle Torri Pellegrino a Marsala per celebrare il tonno rosso di Favignana - Ragusa Oggi

La cucina delle isole alle Torri Pellegrino a Marsala per celebrare il tonno rosso di Favignana


Condividi su:


La cucina delle isole alle Torri Pellegrino a Marsala per celebrare il tonno rosso di Favignana
Food
9 marzo 2019 10:32

Cantine Pellegrino rende omaggio alla tradizione gastronomica delle isole siciliane della costa occidentale. *La cucina delle isole*, è questo il nome del nuovo format lanciato dallo storico marchio del vino siciliano per celebrare *Pantelleria* e *Favignana*, protagoniste dei due *appuntamenti gourmet di primavera* presso le *Torri* *Pellegrino*.

Si inizia *domenica 31 marzo* con il pranzo “*Cappero!*”, ideato da Mario Puccio, chef del ristorante *I Giardini dei Rodo* di Pantelleria. Un percorso degustazione per assaporare i piatti tipici e le specialità della piccola isola vulcanica. Secondo appuntamento *mercoledì 8 maggio* per la cena “*Sfumature di* *tonno rosso*”, curata dallo chef *Francesco Balzani *del ristorante *Sottosale* di Favignana.

Testimonianza di archeologia industriale, le *Torri Pellegrino* – ex silos sapientemente ristrutturati secondo i dettami del design minimalista – oggi sono lo spazio dedicato alla cucina d’autore. Da una posizione privilegiata, gli ospiti possono ammirare il panorama mozzafiato dello Stagnone e delle isole Egadi e, al tempo stesso, viaggiare tra i sapori e i profumi dei piatti della tradizione gastronomica siciliana, esaltati dall’abbinamento con i *vini di Pellegrino*. Una lunga storia di famiglia iniziata nel 1880 con la commercializzazione del leggendario marsala, poi ampliata con la produzione di vini bianchi, rossi, dolci e da meditazione.

*Domenica 31 marzo – ore 13.30 – Torri Pellegrino*
*Pranzo “Cappero!” a cura di I Giardini dei Rodo*
Il legame profondo tra la famiglia Pellegrino e Pantelleria inizia nel 1992, anno di fondazione della cantina di vinificazione sulla via che oggi porta il nome del fondatore Carlo Pellegrino. E proprio alla *Perla Nera del Mediterraneo* è dedicato il primo appuntamento gourmet alle Torri. La *cucina pantesca* è l’originale risultato delle influenze culturali dei vari popoli che hanno abitato l’isola. Il menu *Cappero!*, elaborato dallo chef Mario Puccio, propone alcune delle specialità più rappresentative di Pantelleria come i *ravioli amari* e la delicatissima *tumma* (formaggio locale), a testimonianza della vocazione contadina dell’isola. Produzioni d’eccellenza di Pantelleria sono infatti il *cappero *e l’uva *zibibbo*, simbolo di fatica e pazienza di una agricoltura eroica fatta di terrazzamenti per strappare terra alla roccia.

I suoli vulcanici conferiscono unicità ai frutti di questo lembo di terra d’Italia rivolto all’Africa. Un’altra tipicità è il *pesto pantesco* ( *ammògghiu*), condimento a base di pomodoro crudo, olio d’oliva, aglio, capperi, basilico, mandorle, mentuccia, origano e peperoncino, con cui si condiscono bruschette, pasta e anche i secondi a base di pesce. Molto apprezzati anche l’*origano* e l’*olio extravergine *ricavato dalla raccolta a mano delle olive biancolilla che crescono su piante basse sferzate dal vento.

Il mare regala invece pesce azzurro, polpi, gamberi e calamari. Buonissimo il *totano locale* di cui i panteschi vanno ghiotti. Per chiudere in dolcezza i celebri *baci*, delle croccanti cialde fritte a forma di ruota e ripiene di ricotta.

*I vini*
Per esaltare i piatti della cucina pantesca proposti in menù, lo chef ha appositamente studiato i migliori abbinamenti, per ogni portata, con le etichette di Cantine Pellegrino. Protagonisti indiscussi i vini prodotti con lo zibibbo di Pantelleria, uva dolce e aromatica, coltivata ad alberello su terreni scoscesi, duri da lavorare e sferzati dal vento. Una pratica agricola considerata eroica e riconosciuta patrimonio dell’Unesco. In degustazione *Gibelè*, bianco secco e fresco, con intensi profumi di gelsomino e *Nes*, passito pluripremiato e punta di diamante della produzione di Cantine Pellegrino a Pantelleria. Le uve sono essiccate al caldo sole d’estate su graticci di canne e girate a mano grazie al paziente lavoro dei viticoltori panteschi. Un grande vino da dessert, abbinato ai baci panteschi, per chiudere in dolcezza questo primo appuntamento gourmet di primavera.

*Prezzo: 50€ a persona*
Cantine Pellegrino: via Battaglia delle Egadi 10, Marsala.
*Prenotazione obbligatoria* al tel. 0923 719970/80 o via email pubblicherelazioni@carlopellegrino.it


Condividi su:


Commenti

Post nella stessa Categoria