IL GANODERMA LUCIDUM NELLA CURA DELLA GASTRITE - Ragusa Oggi

IL GANODERMA LUCIDUM NELLA CURA DELLA GASTRITE


Condividi su:


IL GANODERMA LUCIDUM NELLA CURA DELLA GASTRITE
Attualità
11 aprile 2016 15:04

La gastrite è data da una infiammazione della mucosa gastrica e può essere fondamentalmente acuta o cronica. La gastrite acuta è transitoria e caratterizzata da lesioni erosive della mucosa che, talvolta, possono essere causa di emorragie massive con rischio di sopravvivenza; i sintomi sono dati da dolore addominale, nausea, vomito, febbre, dispepsia e anoressia. La gastrite cronica manca della componente erosiva ma presenta gli infiltrati che caratterizzano le infiammazioni croniche.

I sintomi mancano nel 50% dei casi, nel 30% dei casi è presente dolore epigastrico e nel rimanente 20% si avvertono sintomi dispeptici. Le cause della gastrite sono da attribuirsi a vari farmaci e soprattutto all’indometacina e all’acido acetilsalicilico, un ruolo importante possono giocare anche l’alcool, il fumo, i grassi e alcuni batteri tra cui l’Helicobacter pylori.

Una prima funzione fondamentale del Ganoderma lucidum è quella di stimolare la produzione dello strato di muco presente sulle pareti dello stomaco e che serve a proteggere la mucosa gastrica dal contatto con gli acidi dei succhi gastrici necessari per la digestione degli alimenti. Naturalmente dobbiamo dire che lo strato di muco protegge la mucosa gastrica anche da altre sostanze irritanti provenienti dall’esterno come i farmaci, l’alcool ecc. Quindi, in questo caso, funge da gastroprotettore.

Una seconda funzione del Ganoderma è quella di inibire la formazione di specifiche sostanze come il fattore di necrosi tumorale (TNF) responsabili della maggior parte dei processi infiammatori a carico della parete gastrica la cui sintesi è invece stimolata dai farmaci suddetti, dal fumo, dall’alcool e da vari batteri.

Una terza funzione del Ganoderma riguarda la sua capacità alcalinizzante, cioè la capacità di ridurre in modo naturale l’acidità gastrica che, quando è eccessiva, può essere causa di gastrite, mantenendo tuttavia la funzione digestiva dei succhi gastrici. I farmaci di sintesi che hanno questa funzione, invece, riducono sì l’acidità gastrica, ma riducono anche la capacità dei succhi gastrici di digerire il cibo che arriva nello stomaco.

Da precisare che il Ganoderma, riuscendo a prevenire e a curare la gastrite ha anche una funzione fondamentale nella cura e nella prevenzione di tutti i tipi di ulcere a carico dell’apparato digerente che possono essere conseguenti alla gastrite. Ha anche funzione di prevenzione del cancro allo stomaco anch’esso secondario alla gastrite.

 

 

 


Condividi su:


Commenti

Post nella stessa Categoria