IL CLAN RUGBY IBLEO SCONFITTO IN RIVA ALLO STRETTO - Ragusa Oggi

IL CLAN RUGBY IBLEO SCONFITTO IN RIVA ALLO STRETTO


Condividi su:


IL CLAN RUGBY IBLEO SCONFITTO IN RIVA ALLO STRETTO
Sport
28 marzo 2011 17:39

Finiscono a Reggio Calabria le speranze promozioni per il Clan Rugby Ibleo. La squadra ragusana perde lo spareggio contro il forte San Giorgio per 25 a 8. Una stagione ricca di soddisfazioni sull’esito della quale non c’è alcunché da recriminare. Dice il presidente Erman Dinatale: “Avevamo prefissato i play off come obiettivo. Non ce l’abbiamo fatta a staccare il pass per il turno successivo. Pazienza. Vorrà dire che ci rifaremo il prossimo anno. La cosa essenziale è che il movimento rugbistico, nella nostra città, sia cresciuto ancora. E riteniamo, in questo senso, di aver fornito un contributo sostanziale”. La squadra iblea parte a rallentatore e paga due errori micidiali che hanno condizionato l’esito della partita. La prima meta per il San Giorgio arriva al sesto minuto. La retroguardia del quindici allenato da Carmelo Cicero e Turi Leggio non è attenta. I padroni di casa, ben strutturati in campo, ne approfittano. Sbagliano solo la trasformazione (5-0). Stesso errore, in pratica, quasi cinque minuti dopo. Il San Giorgio si ripete e il Clan non sa frenare l’irruenza dei padroni di casa. Stavolta la trasformazione va a segno. 12-0 e una tegola sul capo dei rugbisti ragusani che sembrano spaesati.

La conferma arriva anche al 26’ con il drop di marca calabra che fissa il parziale sul 15-0. Il Clan prova a reagire. Al 34’ il calcio piazzato di Di Maura consente agli ospiti di tirare appena il fiato (15-3). Ma è solo una illusione momentanea. Perché il finale di tempo è tutto di marca calabrese con il San Giorgio che deposita la palla ovale in meta addirittura al 42’, due minuti oltre lo scadere. La meta è pure trasformata e il punteggio si fa pesante (22-3). Nella ripresa, Cicero e Leggio provano a rimescolare le carte in casa del Clan. Si vuole contenere l’irruenza ospite e cercare di andare a segno per accorciare le distanze. I primi minuti del secondo tempo sembrano di marca ragusana. Ma il Clan non riesce ad essere produttivo. Al 62’, infatti, è ancora il San Giorgio ad incrementare il proprio bottino grazie ad un calcio piazzato (25-3). La risposta, con annessa meta della bandiera, del Clan arriva solo nel finale. All’80esimo, infatti, Giordano Pluchino riesce a varcare la fatidica linea avversaria. Non c’è spazio neppure per la trasformazione. “La recriminazione – dice il direttore generale Antonio Buscemi – è solo per la primissima parte della gara. Abbiamo subito due mete in maniera troppo perentoria. E ciò ha condizionato il resto della nostra prestazione. Onore, ad ogni modo, al merito di una squadra come quella reggina che ha tutti i numeri per poter puntare al salto di categoria in serie B”. Intanto la società fa sapere che gli allenamenti del Clan proseguono, anche se gli impegni ufficiali sono conclusi. 


Condividi su:


Commenti

Post nella stessa Categoria