Giallo, variazioni e ritorni”, mostra a Modica delle opere di Salvatore Fratantonio


A Modica, si presenta una mostra di Salvatore Fratantonio che aprirà i battenti il 25 giugno a Palazzo Grimaldi.

I dipinti, in prevalenza oli, ma anche inchiostri, acrilici e tecniche miste, provenienti da una produzione che spazia dai primi anni sessanta ad opere recentissime, sono stati scelti sul soggetto unico rappresentato dalle rose.


Giallo è il colore prevalente, mentre costante è il tema dei fiori che si propone, però ciclicamente, con variazioni stilistiche legate ai differenti periodi esistenziali.
L’analisi dei significati, compresi attraverso i suggerimenti dello stesso artista e la ricerca e lo studio delle opere in questione, ha suggerito una presentazione non rispettosa dell’ordine cronologico di realizzazione dei dipinti, quanto piuttosto un allestimento per “ stanze”.


Spazio come materia della mente dove si troveranno, insiemi definiti di fiori secchi, di “fiori segnati” come le chine e le incisioni; di fiori che accolgono o subiscono l’irruente concretezza della realtà; di fiori in abbandono e di fiori che si levano in alto, alla conquista del cielo.
L’invito è quello di cogliere il senso che da loro proviene: lo sfondo da cui risalgono, i nodi di relazione che li uniscono, la loro storia in rapporto al mondo …la vita delle cose.


L’esposizione è accompagnata da un catalogo (Ed.Kromatografica-Ispica-pag.104), con testi di Paolo Giansiracusa, storico dell’Arte; Francesco Sanfilippo, psichiatra-psicoterapeuta, e della curatrice Elisabetta Rizza, riporta le foto delle opere e alcuni scatti realizzati da Antonello Ragusa del pittore nel suo studio.

Salvatore Fratantonio nasce a Modica nel 1938. Fin da ragazzo esprime il suo interesse per la pittura che lo porta, nei primi anni sessanta, a trasferirsi a Roma; qui ha inizio la sua ricerca artistica, la conoscenza, l’approfondimento della pittura d’autore, e la sua prima mostra personale.


Si sposterà, quindi, a Milano, dove vivrà per più di quarant’anni e da dove confermerà la sua scelta professionale. Un lungo percorso artistico fatto di fasi e sperimentazioni di stili e temi diversi, accompagnati da numerose esposizioni in Italia e all’estero, in gallerie private ed Istituzioni Pubbliche.
In tutti questi anni continua a mantenere comunque anche un legame con la sua Sicilia.
La sua poetica , intimista, indaga principalmente motivi esistenziali. La sua pittura si muove principalmente in ambito figurativo, anche se nel tempo, e in alcune produzioni, si è spinta quasi ai confini dell’informale.
I suoi riferimenti creativi ed artistici rimangono comunque i pittori del Primo e Secondo Novecento italiano.

Palazzo Grimaldi, sede della mostra, risale al XVIII-XIX secolo, si trova sulla via principale della città di Modica, ed è l’edificio più importante ed originale nel suo stile.
La struttura presenta ben quattordici balconi suddivisi nei due piani dell’edificio e nel prospetto la presenza degli studi araldici della famiglia.


Il Palazzo, sede della Fondazione Giovan Pietro Grimaldi, già Magnifico Rettore dell’Università di Catania, è una istituzione attiva nel campo della promozione culturale. Ha sale conferenze e aule studio ( Sala del Granaio e ancora a Palazzo Grimaldi); di grande rilievo storico l’archivio del fondatore , attualmente in fase di riordino, e una pinacoteca permanente ricca di opere pittoriche e di scultura di artisti della seconda metà dell’ottocento fino ai nostri giorni, riconosciuti a livello nazionale , nati nell’area iblea.

AUTORE: Salvatore Fratantonio
TITOLO: Giallo, variazioni e ritorni
LUOGO: Palazzo G.P. Grimaldi
INDIRIZZO: Corso Umberto, 106 Modica ( RG)
QUANDO: dal 25 giugno al 24 luglio 2022
VERNISSAGE: 25 giugno 2022 h.19.00
CURATRICE: Elisabetta Rizza
GENERI: pittura, personale
ORARI : 17.00/21.00 dal martedi alla domenica-chiuso il lunedi
INGRESSO LIBERO

Invia le tue segnalazioni a info@ragusaoggi.it