Gara d’appalto raddoppio Ragusa – Catania, rinviata al 4 luglio (terzo rinvio!). E tutti zitti


Sembra proprio che questa gara d’appalto non si debba fare. Per la terza volta l’Anas ha spostato la scadenza per la gara d’appalto del progetto di raddoppio, in quattro lotti funzionali, della Ragusa – Catania. Si dovrebbe costruire un’autostrada (piu’ esattamente una strada a doppia corsia e quattro carreggiate) ma tra ricorsi al Tar e diffide l’Anas non sa più che pesci prendere e ha deciso, per la terza volta, di rimandare la gara. Il termine ultimo era del 23 maggio scorso dopo il rinvio precedente della prima decade di maggio e prima ancora di fine aprile.

Se ne riparlerà il 4 luglio prossimo, almeno così informalmente apprendiamo dall’Anas. Nel frattempo, probabilmente tra il 20 e il 22 giugno, il Tar si esprimerà sul ricorso avanzato da un nutrito gruppo di imprese aderenti all’Ance che considerano antieconomico il bando. Di costi aumentati ha parlato anche Confindustria che ha perfino chiesto l’annullamento del bando. Cosa che potrebbe avvenire perché ormai a questo punto dobbiamo attenderci di tutto. Resta sempre il mistero per il quale, con il progetto di finanza, il raddoppio sarebbe costato ai privati (con metà risorse pubbliche) circa 800 milioni di euro mentre adesso con fondi solo pubblici il costo è salito ad oltre un miliardo di euro e per di più i privati adesso giudicano antieconomico il bando.

Nel frattempo resta il silenzio assordante del presidente della Regione, Nello Musumeci, che è il commissario straordinario dell’opera. Così come in silenzio resta anche il sottosegretario Giancarlo Cancelleri. Parlate, vorremmo sapere cosa ne pensate di tre rinvii quando, con il progetto di finanza, secondo il cronoprogramma i cantieri sarebbero già stati aperti da tempo. Qui, aspettiamo ancora che si celebri la gara.

Invia le tue segnalazioni a info@ragusaoggi.it