False vaccinazioni a Palermo, indagata anche una coppia di coniugi


C’è anche una coppia di coniugi fra gli indagati nel secondo atto dell’indagine sui falsi vaccini che oggi ha portato all’esecuzione di una misura cautelare nei confronti di Giorgia Camarda, 58 anni infermiera del reparto di malattie infettive dell’ospedale Civico, in servizio anche all’hub vaccinale della fiera del mediterraneo.

L’attività investigativa, corroborata da videoriprese effettuate fra i corridoi dell’hub di Palermo, e con il contributo della struttura del commissario per l’emergenza Covid Renato Costa, ha consentito di ricostruire le modalità della falsa vaccinazione di cui avrebbe beneficiato l’odierna indagata.

Camarda sarebbe stata falsamente vaccinata con la terza dose dalla collega Anna Maria Lo Brano, arrestata il 21 dicembre. L’indagata avrebbe poi effettuato due false vaccinazioni in favore di una coppia di coniugi – indagati per concorso in peculato e falso ideologico -, seguendo la medesima modalità operativa adottata dalla collega: lo sversamento della dose vaccinale in un quadrato di garza ed una finta iniezione, praticata sul braccio dell’utente. Sono in corso ulteriori indagini finalizzate all’individuazione di altre analoghe false vaccinazioni.

Invia le tue segnalazioni a info@ragusaoggi.it