A Ragusa, il “Microfestival della Generazione Zero”


Manca pochissimo al “Microfestival della GZ”, prima edizione dell’evento organizzato dall’associazione ragusana Generazione Zero. L’iniziativa, patrocinata dal Comune di Ragusa, nasce dalla volontà di arricchire in modo innovativo l’offerta culturale estiva fornita ai cittadini e ai turisti abituali del capoluogo ibleo. Tre serate dedicate a politica, società e cultura locale che si terranno presso il chiostro del Centro Commerciale Culturale di via G. Matteotti, 61 a partire dalle ore 18.00.

Gli eventi si svolgeranno nelle giornate del 19, 21 e 23 agosto, dove gli ospiti chiacchiereranno con i relatori e con il pubblico presente. Le ragazze e i ragazzi di Generazione Zero coordineranno l’iniziativa, ponendo al centro alcune delle tematiche proprie del percorso dell’associazione: la condizione dei migranti, il lavoro, il precariato e i movimenti operai.

Nello specifico, ecco i singoli appuntamenti (tutti dalle ore 18.00):

• Venerdì 19 agosto
“È-migrante”: un dibattito sull’essere migranti sul territorio Ragusano. Quale rete di accoglienza, quali sfide. Con il Responsabile Immigrazione Vincenzo La Monica (Caritas Ragusa), Andrea Gentile (Casa Valdese) e Simone Lo Presti (Progetto Nuove Radici) per poter mettere a sistema i protagonisti e discutere apertamente il triangolo di difficili relazioni tra i paesi siciliani, i lavoratori dell’accoglienza ai richiedenti asilo e i migranti. Modera Massimo Occhipinti.

• Domenica 21 agosto
“Libero dal lavoro”: uno sguardo giuslavorista su orario ridotto, reddito di cittadinanza e lo sviluppo di una nuova idea di lavoro. Giovanni Modica Scala (Modicaltra), Giuseppe Scifo (CGIL Ragusa) e Giacomo Pisani (Unito), che si collegherà da remoto, metteranno al centro della serata la sfida al futuro del lavoro in rapporto alle nostre generazioni e a come queste hanno vissuto la crisi pandemica. Modera Hala Fuad.

• Martedì 23 agosto
“Nazione mancina”: la riflessione ruota attorno all’attualità del pensiero di Marx ed Engels sulla questione irlandese, che somiglia per certi versi a quella siciliana. L’autore dell’analisi sarà Marco Santopadre che ha recentemente curato l’edizione italiana degli scritti di Marx ed Engels “Sulla questione irlandese” per Edizioni PiGreco (2020) e si confronterà con il moderatore Vincenzo Criscione per approfondire i temi a noi più attuali di quest’opera.

Invia le tue segnalazioni a info@ragusaoggi.it