Sbarco Pozzallo, 5 ricoverati al Maggiore di Modica. Gli altri restano in quarantena. Salvini contesta, Pd replica - Ragusa Oggi

Sbarco Pozzallo, 5 ricoverati al Maggiore di Modica. Gli altri restano in quarantena. Salvini contesta, Pd replica


Condividi su:


Sbarco Pozzallo, 5 ricoverati al Maggiore di Modica. Gli altri restano in quarantena. Salvini contesta, Pd replica
Attualità
23 febbraio 2020 17:35

Terminato a Pozzallo lo sbarco dei migranti a bordo dell’Ocean Viking. In totale 276 (e non 274 come si era detto in un primo momento) di cui 195 uomini, 14 donne e 65 minori. Cinque alla fine i migranti ricoverati in ospedale. Per tre uomini con problemi respiratori (uno con una sospetta tubercolosi) ricovero direttamente nella divisione ‘Malattie infettivè dell’Ospedale Maggiore di Modica senza transitare dal pronto soccorso, mentre, per una donna con problemi ginecologici e un uomo con una frattura pregressa sempre in ospedale ma le loro condizioni di salute non destano particolari preoccupazioni.

Gli altri 271 migranti sono stati trasferiti nell’hot spot di Pozzallo dove resteranno in quarantena per due settimane. Lo sbarco si è svolto con un rigido cordone sanitario e tutti gli operatori sanitari venuti in contatto con i migranti hanno operato in totale sicurezza perchè provvisti di tuta e mascherina.

LA POLEMICA POLITICA
“Il Viminale ha autorizzato lo sbarco in Sicilia di quasi 300 immigrati clandestini portati dalla solita nave Ong straniera. Nemmeno nella situazione di grave emergenza nazionale in corso il governo ritiene di dover chiudere i porti. Non ho parole”. Lo scrive su twitter Matteo Salvini, postando la foto di un articolo che riporta la notizia dello sbarco di migranti a Pozzallo, messi in quarantena.

“Dato che non hai parole, stare zitto – almeno in una situazione come questa – sarebbe un buon inizio”. E’ la replica del Pd Matteo Orfini al leader della Lega, Matteo Salvini che, sempre via social, critica il governo per aver autorizzato lo sbarco a Pozzallo di circa 300 migranti.
fonte Ansa e Agi


Condividi su: