LA GUARDIA DI FINANZA SCOPRE LA LOTTIZZAZIONE ABUSIVA DI UN FONDO RUSTICO A POZZALLO, RINVIATE A GIUDIZIO 47 PERSONE


Tra il 2005 e il 2011 dirigenti e dipendenti del Comune di Pozzallo lottizzavano indebitamente un fondo rustico di contrada Danieli, posto sul confine territoriale tra i comuni di Pozzallo e di Modica determinando l’illegittima trasformazione di una zona a destinazione agricola, in quanto tale naturalmente avulsa da aggregati abitativi e priva di adeguate opere di urbanizzazione primaria e secondaria, che venne poi utilizzata a scopo edificatorio.

Questo quanto scoperto dalla Guardia di Finanza di Pozzallo in seguito a indagini coordinate dal procuratore Francesco Puleio e dirette dal sostituto procuratore Gaetano Scollo che ha dato esecuzione ad una Ordinanza della Procura della Repubblica di Modica rinviando a giudizio 47 persone accusate, a vario titolo, dei reati di lottizzazione abusiva di terreni a scopo edilizio, di abuso edilizio e di violazione della normativa antisismica.

A subire la decisione del Tribunale di Modica dirigenti e dipendenti del Comune di Pozzallo preposti al rilascio dei permessi e delle autorizzazioni in materia edilizia, il notaio rogante gli atti di vendita, i professionisti incaricati di curare i frazionamenti e la progettazione, nonché gli imprenditori e i proprietari degli immobili costruiti sui lotti risultanti dall’illecito frazionamento scoperto in seguito alle indagini della Guardia di Finanza che hanno inoltre portato alla scoperta di illeciti anche per quanto riguarda le singole violazioni edilizie dal momento che i fabbricati sono stati costruiti in difformità rispetto a quanto autorizzato con le illegittime Concessioni Edilizie. Non sono stati invece contestati gli abusi d’ufficio relativi alle concessioni edilizie, pur sussistenti, in quanto i relativi fatti di reato sono estinti per prescrizione.

In relazione a tali fatti, su richiesta della Procura di Modica, il G.i.p. di Modica ha disposto il sequestro preventivo degli immobili.

 

 

Invia le tue segnalazioni a info@ragusaoggi.it