INTERESSE PER I RISULTATI DELLA MINIATURIZZAZIONE DEL PROGETTO ESSORENTREPRISE - Ragusa Oggi

INTERESSE PER I RISULTATI DELLA MINIATURIZZAZIONE DEL PROGETTO ESSORENTREPRISE


Condividi su:


INTERESSE PER I RISULTATI DELLA MINIATURIZZAZIONE DEL PROGETTO ESSORENTREPRISE
Attualità
22 settembre 2013 21:38

Sabato 21 Settembre 2013 si è svolta la seconda edizione della Giornata della Cooperazione Europea, finalizzata a promuovere i progetti e le attività realizzate grazie al sostegno dei Programmi di cooperazione transfrontaliera Italia – Tunisia e Italia – Malta 2007-2013. La seconda edizione ha anche permesso di festeggiare i risultati conseguiti in più di 20 anni di cooperazione territoriale in Europa ed in ogni regione.
Con il sostegno della commissione europea, nella persona di Johannes Hahn, e della parlamentare europea Marie-Thérèse Sanchez-Schmid, la Giornata della Cooperazione Europea ha invitato i cittadini europei ad uscire di casa ed incontrare i propri vicini partecipando ad uno dei vari eventi organizzati nella propria regione al fine di conoscere più da vicino i progetti europei realizzati e incentivare la politica di vicinato.
Il motto della manifestazione “condividere le frontiere per crescere più vicini” ha voluto sintetizzare lo spirito di collaborazione che attraversa l’Europa e non solo, in quanto la cooperazione territoriale coinvolge i paesi del vicinato europeo. Nel 2012 sono stati organizzati più di 280 eventi in quasi 40 nazioni. L’edizione 2013, coordinata dal programma Interact con il supporto della Commissione Europea, del Parlamento Europeo e del Comitato delle Regioni, ha visto ancora al centro un evento ciclistico organizzato, per la Sicilia, dalla Regione siciliana, nella qualità di Autorità di Gestione dei Programmi di Cooperazione Transfrontaliera Italia-Tunisia e Italia-Malta 2007-2013.
Il “Cooperation bike tour” ha voluto promuovere i temi della sostenibilità ambientale, del turismo sostenibile e della valorizzazione del patrimonio naturale, culturale e gastronomico. Grande risalto è stato dato alla presentazione delle opportunità che i progetti finanziati dal programma di cooperazione hanno dato e potranno dare ai territori coinvolti.
Il Comune di Modica ha ospitato una tappa dell’itinerario ciclistico “Barocco tour” in quanto coinvolto con due progetti, ESSORENTREPRISE (nel quale è capofila) e LES VOYAGES DE LA CONNAISSANCE.
Due gli itinerari ciclo-turistici che i partecipanti del “Cooperation bike tour” hanno avuto a disposizione: Percorso Barocco tour, Ragusa-Modica-Scicli, di circa 24 km e di media difficoltà; Percorso Carrubi tour, Ragusa-Donnafugata, di circa 20 km e di bassa difficoltà.
Il percorso Barocco tour, dopo aver attraversato le latomie di Cava Gonfalone a Ragusa; ha fatto sosta alle ore 10.30 a Modica dove è stato ospitato nell’atrio di Palazzo San Domenico. Ad attendere i ciclisti provenienti da diverse località siciliane, il Sindaco della Città di Modica, Ignazio Abbate, l’Assessore Assessore alla Cultura, Turismo, Spettacolo, Pubblica Istruzione, Unesco, prof. Orazio Di Giacomo, i responsabili dei due progetti, la P.O. dott.ssa Anita Portelli (per Essorentreprise) e la funzionaria dott.ssa Margherita Fargione (per Les Voyages de la Connaissance), Luciano Lauteri, direttore dell’ASR, responsabile dell’assistenza tecnica al Comune di Modica per il progetto Essorentreprise.
Tra i partecipanti su due ruote il dott. Vincenzo Petruso, funzionario direttivo dell’Unità Operativa di Base I – Coordinamento Cooperazione Territoriale Europea presso l’autorità di gestione della Regione Siciliana, il dott. Giuseppe Agugliaro (direttore progetto Essorentreprise per il partner “Unione Comuni Elimo-Ericini”), Giuseppe D’Alessandro (direttore finanziario progetto Essorentreprise per il partner “Unione Comuni Elimo-Ericini”), Alfio Curcio (webmaster progetto Essorentreprise per il partner GAL Hyblon-Tukles).
Sotto i portici dell’atrio di palazzo di città i biker della cooperazione hanno trovato ad accoglierli gli artigiani delle produzioni di eccellenza modicane (la pietra, il ricamo e il cioccolato), le prelibatezze della pasticceria locale (‘mpanatigghie, biancomangiare, mustazzoli, cioccolato, cannolo di ricotta), la recitazione delle poesie della prof.ssa Antonella Monaca (a cura delle voci recitanti Marcello Sarta e Ornella Fratantonio), ma anche due stand dedicati alla presentazione dei progetti.
Il progetto ESSORENTREPRISE ha offerto ai partecipanti, agli imprenditori e agli studenti invitati, nonché ai visitatori sopraggiunti, la possibilità di conoscere meglio i risultati delle attività del progetto e le opportunità concrete che esso offre.
Opportunità imprenditoriali e commerciali che possono costituire una soluzione percorribile per avviare una nuova attività imprenditoriale con condizioni “accessibili o diversificare quella già esistente, soprattutto in un momento congiunturale così delicato.
La tecnologia della miniaturizzazione, sulla quale hanno lavorato i partner del progetto Essorentreprise, consente di fare microimpresa nell’abito di prodotti agroalimentari, grazie ai suoi macchinari di dimensioni ridotte, costi contenuti e si apre a breve anche a formule di microcredito e finanza agevolata. Il progetto ESSORENTREPRISE composto da un partenariato italiano e tunisino, ha infatti come obiettivo generale il trasferimento alle imprese agricole e agroalimentari di specifiche informazioni sulla tecnologia miniaturizzata, già sperimentata nell’ambito del progetto, per la trasformazione dei prodotti agroalimentari.
Due le tipologie di macchinari presentate nel corso della mattinata: un essiccatore solare per i prodotti agroalimentari/ortofrutticoli e un minicaseificio per la trasformazione di piccole quantità giornaliere di latte. Il progetto ha però realizzato anche un negozio mobile destinato alla vendita a Km zero di prodotti presso mercati contadini, fiere, luoghi di difficile accesso.
Tra le caratteristiche di rilievo di tali macchinari si impongono l’essere facilmente trasportabili, di piccole dimensioni (per l’appunto miniaturizzate), non costose e quindi accessibili anche alle piccole imprese, capaci di garantire standard produttivi che permettono la sostenibilità economica, equipaggiati con tecnologie che massimizzano l’uso di fonti di energia rinnovabile, rispondenti alle normative comunitarie in materia di produzione degli alimenti.
I seminari informativi proposti dal direttore Luciano Lauteri, assistenza tecnica del progetto Essorentreprise, e da un produttore locale dell’essiccatore solare, hanno catturato l’attenzione e l’interesse degli imprenditori convenuti e degli studenti dell’Agrario di Modica, accompagnati dal prof. Concetto Gerratana. Un ascolto attento e partecipato che si è concluso con una serie di domande e l’invito a poter conoscere maggiormente la tecnologia della miniaturizzazione e il progetto Essorentreprise, non solo presso le associazioni di categoria, i mercati contadini e le associazioni di volontariato, ma anche e soprattutto in ambito scolastico.
Il territorio di Ragusa è stato quindi la sede per promuovere i temi della sostenibilità ambientale, del turismo sostenibile e della valorizzazione del patrimonio naturale, culturale e gastronomico e delle opportunità di sviluppo imprenditoriale.
Commenti entusiasti da parte dei partecipanti al tour che, concluso il momento dedicato alla sosta modicana, si sono rimessi in sella alla loro bici e, rispondendo all’invito dato dal fischietto del capo biker, hanno ripreso a pedalare alla volta di Scicli.


Condividi su:


Commenti

Post nella stessa Categoria