Il GAL Terra Barocca punta verso una strategia di turismo sostenibile grazie al progetto INCIRCLE


Rafforzare la strategia turistica del territorio del GAL Terra Barocca in un’ottica di circolarità e sostenibilità e attraverso il coinvolgimento diretto degli operatori. E’ l’obiettivo che il gruppo di azione locale si è dato attraverso l’adesione al progetto INCIRCLE di cui si è svolto, attraverso la modalità online, il primo dei quattro incontri programmati e tesi non solo ad illustrare le finalità principali e gli obiettivi ma soprattutto a coinvolgere in modo diretto gli stakeholders per analizzare i bisogni reali a cui dare risposte anche attraverso future azioni o interventi del gruppo di azione locale.

Il GAL Terra Barocca è stato selezionato a livello internazionale come territorio target per il trasferimento delle buone pratiche e del modello elaborato nell’ambito del progetto INCIRCLE “Support INsular and low density areas in the transition towards a more CIRCuLar tourism Economy” cofinanziato dal programma di cooperazione territoriale Interreg MED 2014-2020, con il coinvolgimento di numerosi territori del Mediterraneo, in Italia, Spagna, Grecia, Cipro, Albania, Croazia.

Dopo una selezione fra più territori candidati il GAL Terra Barocca è stato selezionato dall’Energy Water Agency di Malta come caso studio per trasferire gli strumenti identificati al fine di programmare una transizione verso un turismo più circolare e che punta alla valorizzazione dei 4 pilastri della sostenibilità (energia rinnovabile, mobilità sostenibile, gestione delle risorse idriche e dei rifiuti). Hanno attivamente partecipato a questo primo SWG (Stakeholders Working Group) circa 60 portatori di interesse: rappresentanti delle pubbliche amministrazioni e delle varie categorie del settore turistico privato locale, e non solo.

I lavori coordinati per il GAL dal referente del progetto INCIRCLE, dott. Giovanni Capuzzello, sono stati aperti dall’intervento introduttivo dell’assessore al turismo della città di Modica Maria Monisteri, in rappresentanza del presidente del GAL Ignazio Abbate, che ha sottolineato l’importanza delle attività svolte dal GAL nell’ottica di coinvolgimento del Territorio per la corretta e puntuale realizzazione di progettualità la cui partecipazione attiva di tutti gli attori locali è fondamentale.

A seguire il direttore del GAL Terra Barocca, dott. Salvatore Occhipinti, ha fatto un’attenta disamina sullo stato dell’arte nell’ambito del turismo sostenibile: “La destinazione turistica Enjoy Barocco – sicilian experience – inizia a prendere forma: abbiamo realizzato il masterplan di destinazione turistica, finanziato i 5 Comuni (Ragusa, Modica, Ispica, Scicli e Santa Croce Camerina) che si accingono ad ultimare gli Info Point Turistici, abbiamo presentato il progetto del Living Lab – Smart Sustainable Destination – che vede capofila la Fondazione Zipelli della Banca Agricola Popolare di Ragusa. Inoltre da poche ore abbiamo anche affidato l’appalto per la creazione del portale di destinazione turistica e a breve vedremo anche la messa in opera della relativa segnaletica turistica.

Non ultimo siamo anche in procinto di finanziare la stesura del PUMS (Piano Urbano Mobilità Sostenibile) per collegare i 5 territori del GAL e le loro aree rurali e siamo partner associati del progetto PULMI finanziato da Fondazione con il Sud, che mira alla mobilità sostenibile. Il progetto INCIRCLE è quindi un ulteriore strumento che ci consentirà di rivolgere lo sguardo verso un turismo sostenibile e circolare, grazie alla strategia che svilupperemo e metteremo in atto con il supporto dello staff tecnico dell’associazione SVI.MED e dell’esperto dott. Luca Caputo”.

Proprio Caputo ha presentato i punti salienti del programma di lavoro con particolare riferimento all’analisi SWOT e CAME sulle quali hanno lavorato anche tutti i partecipanti per mezzo di innovativi strumenti informatici utilizzati al fine di ottenere subito report utili per la definizione della strategia, individuando i punti di forza e di debolezza e al contempo le minacce e le opportunità che il territorio del GAL Terra Barocca offre in termini di turismo sostenibile.

Molti i commenti, le proposte e gli spunti registrati da parte dei soggetti presenti, sia pubblici che privati, segno di un reale ed elevato interesse e sensibilità per la tematica, a dimostrazione che, come ribadisce il direttore Occhipinti, “la progettazione partecipata dà sempre risultati utili e positivi grazie al contributo di tutti i partecipanti interessati”. Nell’ambito del progetto INCIRCLE sono stati armonizzati e messi a sistema degli strumenti, detti “Circular Tourism Tools”, che verranno ulteriormente utilizzati nei prossimi imminenti incontri partecipati che il GAL Terra Barocca ha in programma per le prossime settimane.

Invia le tue segnalazioni a info@ragusaoggi.it