Giochi matematici organizzati dalla Bocconi, premiati anche gli studenti di Comiso - Ragusa Oggi

Giochi matematici organizzati dalla Bocconi, premiati anche gli studenti di Comiso


Condividi su:


Giochi matematici organizzati dalla Bocconi, premiati anche gli studenti di Comiso
Attualità
3 marzo 2021 10:24

Si è svolta oggi la premiazione dei Giochi matematici dell’istituto comprensivo Giovanni Verga di Comiso, organizzati dall’Università Bocconi di Milano e dal centro-Pristem. All’iniziativa hanno partecipato quasi settanta alunni a partire dalle classi quarte della primaria fino alle classi terze della secondaria di primo grado, suddivisi in tre categorie CS (IV e V scuola primaria); C1 (I e II scuola secondaria); C2 (III scuola secondaria). La premiazione ha visto la consegna di targhe appositamente realizzate per l’occasione. Alla premiazione hanno preso parte la Dirigente scolastica Maria Grazia Cafiso, il Vicario prof. Luigi Bellassai e l’ins. Antonella Sinaguglia. Le graduatorie trasmesse direttamente dalla commissione della Bocconi hanno visto i seguenti alunni premiati:

Categoria CE:
1ª Marika Romano
2º Nicolò Inghilterra
3º Giuseppe Gulino

Categoria C1
1º Salvatore Incremona
2º Edoardo Spata
3ª Francesca Spadaro

Categoria C2
1ª Maria Di Modica
2º Biagio Enrico Sallemi
3º Davide Balba

“La manifestazione ha rappresentato un’utile esperienza e una piacevole parentesi in questi mesi difficili – hanno dichiarato la Dirigente Scolastica, prof.ssa Maria Grazia Cafiso e il Vicario prof. Gigi Bellassai -il nostro istituto crede molto in questa iniziativa perché un aspetto fondamentale connesso al gioco matematico è la capacità di recuperare la motivazione allo studio della matematica facendo sì che queste materie risultino interessanti per tutti, anche per quelli che non si ritengono capaci di comprenderle. Questo tipo di matematica è seria e piena di legittimità, tanto è vero che su di essa si può basare una innovativa proposta didattica. I giochi non sembrano diversi dai tradizionali esercizi, se non forse perché sono di tipo più logico e linguistico e meno numerico, in generale, e questo argomento gioca tutto a loro favore.

La differenza rispetto agli esercizi è che divertono, e non è cosa da poco, in primo luogo rappresentano una sfida, ma anche la soluzione di solito presenta un elemento di sorpresa. La sorpresa consiste o nel fatto che una risposta proprio ci sia, o nel fatto che la risposta è contraria a ciò che ci si attende. La sorpresa, il paradosso o il risultato inatteso sono elementi stimolanti per l’attività cognitiva, sono un po’ il gioco di prestigio di cui cerchiamo il trucco. Quando un alunno risolve un problema o un gioco – hanno concluso la prof.ssa Cafiso e il prof. Bellassai – diventa un protagonista in quanto inventore o scopritore della soluzione; il non essere più un soggetto passivo influisce positivamente sull’ attenzione, sulla qualità dell’apprendimento e sulla sua motivazione favorendo anche la diffusione di una buona prassi nell’apprendimento delle discipline logico-matematiche.”

Nelle prossime settimane quindici alunni dell’istituto parteciperanno ai quarti di finale della 28ª edizione dei campionati internazionali di giochi matematici internazionali, organizzati dall’Università Bocconi.”


Condividi su:


Commenti

Post nella stessa Categoria