';

Cambio al comando del 41° Stormo Antisom e Sigonella


Martedì 13 novembre 2018 alle ore 10.45, presso l’hangar dell’Aeroporto di Sigonella, avrà luogo la cerimonia di avvicendamento al Comando del 41° Stormo Antisom e dell’Aeroporto di Sigonella tra il Colonnello Pilota Francesco Frare, Comandante uscente, ed il Colonnello Pilota Gianluca Chiriatti, Comandante subentrante.

L’evento, presieduto dal Generale di Divisione Aerea Giampaolo Miniscalco, Comandante le Forze di Supporto e Speciali dell’Aeronautica Militare, vedrà la partecipazione di autorità civili e militari delle provincie di Catania, Siracusa, Ragusa, Messina, Enna e Caltanissetta, oltre naturalmente al personale militare e civile dell’Aeroporto Siciliano.

Il Colonnello Frare lascia il comando dopo poco più un anno di intenso lavoro che hanno visto, in particolare, il 41° Stormo impegnato nella transizione operativa legata al nuovo sistema d’arma – il velivolo P-72A – e l’Aeroporto di Sigonella a supportare tutte quelle attività con le quali l’Aeronautica Militare – 24 ore su 24 per 365 giorni l’anno – assicura la sicurezza del Paese e dei cittadini (dal controllo e difesa dello spazio aereo, all’assistenza al volo, alla ricerca e soccorso, alla meteorologia, ai trasporti sanitari d’urgenza, etc).

Il Comando Aeroporto di Sigonella, gerarchicamente dipendente dal Comando Forze di Supporto e Speciali, ha il compito di fornire il supporto al 41° Stormo Antisom – dotato di velivoli P-72A, al 61° Gruppo Volo – dotato di APR tipo Predator ed ai Reparti rischierati ed in transito sull’omonimo Aeroporto, assicurando – al contempo – i servizi necessari per il sicuro ed efficace svolgimento delle attività di volo. Nell’ambito dei servizi alla collettività, fornisce supporto di linea volo 24 ore al giorno, 365 giorni all’anno, a voli militari e di Stato, nonché a quelli per il trasporto aereo sanitario di organi e di pazienti bisognosi ed in imminente pericolo di vita. Inoltre, è responsabile della fornitura dei servizi del traffico aereo all’interno della zona di controllo (CTR) denominata Catania, che comprende i cieli della Sicilia orientale e dei mari adiacenti, ivi compresi gli Aeroporti di Sigonella, Catania-Fontanarossa e Comiso.

Il 41° Stormo Antisom di Sigonella, gerarchicamente dipendente dall’Ufficio dell’Ispettore dell’Aviazione per la Marina, è dotato di velivoli “P-72A” con i quali garantisce la sorveglianza marittima, il contrasto ai traffici illeciti e al terrorismo internazionale, la salvaguardia della vita umana in mare a lungo raggio e la protezione delle principali vie di traffico marittimo nei quadranti meridionali del mediterraneo. Gli equipaggi del P-72A sono formati da ufficiali piloti e sottufficiali operatori di bordo che appartengono all’Aeronautica Militare e alla Marina Militare. La caratteristica tipica rappresenta dal 1965 un esempio di sinergia e cooperazione interforze ben collaudato ed efficiente che si pone in netto anticipo rispetto al forte sviluppo interforze dello strumento militare caratteristico di questi ultimi anni. Per questo motivo, a seguito dell’istituzione nel 1957 dell’Aviazione Antisommergibile, il 41° Stormo mantiene una veste tipicamente interforze e perfettamente integrata attraverso il connubio tra due Componenti (AM e MM). I velivoli antisom, in passato i Grumman Tracker e i Breguet Atlantic e oggi il P72A, dipendono, infatti, per l’impiego dalla MM, che valuta e determina tutte le missioni operative ad essi assegnabili, mentre le attività tecnico-logistiche e l’addestramento tecnico-professionale sono responsabilità dell’AM.