Baroque Race: vince Angelo Mandarà la corsa lungo tre Comuni barocchi. FOTO


In una domenica caldissima, parzialmente lenita dalla scelta degli organizzatori di far partire la gara nelle primissime ore del mattino, la Baroque Race è andata in scena sul tradizionale percorso che congiunge Ragusa, Modica e Scicli attraverso 24 km. I colori del primo mattino hanno illuminato i monumenti barocchi che hanno fatto da cornice alla gara, giunta alla sua 11esima edizione e nata proprio per fare conoscere le bellezze del territorio attraverso lo sport e correre in un patrimonio mondiale dell’umanità che oggi compie 20 anni dalla sua nomina da parte dell’Unesco.

La corsa, intitolata alla memoria di Giorgio Buscema, ha fatto registrare il successo di Angelo Mandarà, portacolori della Pod.Padua che nel finale si è liberato della concorrenza di Sebastiano Foti (Pod.Messina), chiudendo in 1h29’05” con appena 6” di vantaggio sul rivale. Terza posizione per Antonio Pavano (Floridia Running) a 41”. In campo femminile successo per Eleonora Suizzo (Esercito 62° Reggimento Fanteria) che in 1h53’35” ha prevalso per 37” su Lucia Macauda (Eloro Running), terza Maria Leotta (Correndo per Aci-Acireale) a 2’11”.

Quest’anno, al fianco della gara lunga, è nata anche la 10,2 km con partenza da Modica. Il primo a iscrivere il suo nome nell’albo d’oro è Giovanni Dezio che ha così regalato un’ulteriore gioia alla società organizzatrice, la No al Doping Ragusa, facendo fermare i cronometri sul tempo di 34’41”. Seconda piazza per Antonino Liuzzo (Running Emotion) a 3”, terzo Salvatore Greco (Running Modica) a 20”, fra le donne ancora Running Modica sugli scudi con Vincenza Di Giorgio prima in 44’37” davanti a Francesca Contavalle (Noto Barocca) a 25” e Marianna D’Allura (Monti Rossi Nicolosi) a 2’17”.

Un grazie forte va ai tre comuni che hanno ospitato la manifestazione, Ragusa, Modica e Scicli, ma anche al Rotary Club Modica con i suoi amici medici che hanno assistito i concorrenti lungo il tracciato in una giornata complicata. Grazie a Cives Infermieri per l’Emergenza, all’agenzia Gulino servizi, i Volontari della Misericordia di Modica e un particolare ringraziamento agli sponsor IMA di Adamo, Ard, Rosso di Sicilia, Santa Maria, Polara e Bio Vivai, che hanno permesso questi momenti di sport e adesione sociale, in un periodo così complicato della nostra storia, regalando il nastrino giallo e blu dedicato agli amici dell’Ucraina. Un ringraziamento particolare al Cral Banca Intesa San Paolo con in testa Agatino Degregorio. La Baroque Race va in archivio e già la mente di Guglielmo Causarano e del gruppo dell’Ass.No al Doping è già proiettata verso il prossimo evento, il grande ritorno della Maratona La Filippide a Chiaramonte Gulfi (RG) il prossimo 7 agosto, l’unica maratona al mondo che si corre ancora secondo le modalità della maratona dei primordi.


Invia le tue segnalazioni a info@ragusaoggi.it