Tribunale di Modica, bocciata riapertura da Movimento 5 Stelle e Lega. Le accuse di Nello Dipasquale (Pd)


Bocciato a Palazzo Madama l’emendamento presentato dal sen. Davide Faraone al primo decreto milleproroghe del Governo giallo-verde (il n. 91 del 25 luglio 2018) con il quale il senatore siciliano tentava di mantenere in vita il Tribunale di Modica e quello di Nicosia. Ne dà notizia il parlamentare regionale del Partito Democratico, on. Nello Dipasquale, segretario alla Presidenza dell’Assemblea Regionale Siciliana. “Ho appreso la notizia direttamente dal sen. Faraone e devo dire di essere piuttosto amareggiato – commenta Dipasquale – perché, a quanto pare, il comportamento della Lega e del Movimento 5 Stelle sul piano nazionale non corrisponde alla promesse fatte sul territorio ibleo da parte dei loro parlamentari. L’emendamento del sen. Faraone puntava a ripristinare la funzionalità dei due tribunali, quello di Modica e di Nicosia, prorogandone la vita fino all’1 gennaio 2022. Ma Lega e M5S hanno scelto di bocciarlo”. “Il tribunale di Modica rimane in vita per ora grazie all’iniziativa parlamentare del sottoscritto all’ARS con un emendamento alla Finanziaria che destina somme a quella struttura – conclude il parlamentare ibleo – e prendo atto che nonostante i proclami e i comunicati dei grillini che siedono al Parlamento nazionale, in verità questa maggioranza si sta disinteressando della questione”.

Invia le tue segnalazioni a info@ragusaoggi.it