Sempre più ampio il divario nord-sud sul potere d’acquisto. Le province meridionali tutte dopo il 75esimo posto. Ragusa è al numero 100


Modena (3.482 euro/famiglia), Trento (3.459 euro) e Monza-Brianza (3.392 euro) sono le tre province italiane con la spesa media più alta per famiglia nell’acquisto di beni durevoli nel 2021. Secondo l’Osservatorio Findomestic, realizzato in collaborazione con Prometeia, i capoluoghi del nord dominano nelle prime posizioni dove troviamo anche Biella (3.342 euro) e Verona (3.288) rispettivamente in quarta e quinta posizione. Per rintracciare la prima provincia del meridione nella graduatoria bisogna arrivare al 75° posto di Cagliari (2.404 euro/famiglia), al 77° posto di Bari (2.326 euro) e al 78° di Catania (2.279 euro).

La coda della classifica è tutta appannaggio del Sud tra Napoli che si colloca al 97° posto su 107 province italiane con una spesa media 2.018 euro a famiglia, Ragusa (100° con 2.017 euro) fino a Sassari dove non si raggiungono i 2.000 euro di media (1.990). Chiudono la graduatoria in 106° e 107° posizione Enna (1.818 euro) e Crotone (1.711). MOBILITÀ. Se le province toscane sono le prime in Italia per spesa media a famiglia in auto nuove con Pisa (1.062 euro), Prato (1.022) e Lucca (1.088) nelle prime tre posizioni tra le 107 province italiane, è tra la Sicilia (Agrigento e Enna con rispettivamente 278 e 266 euro) e la Puglia (Foggia con 276 euro) che si rilevano invece gli importi medi più bassi.

Le auto usate sono state apprezzate particolarmente in Trentino-Alto Adige (Bolzano prima in Italia con 1.119 euro di media a famiglia e Trento terza, 1.030), Piemonte (Biella seconda a 1.075 euro) e Valle D’Aosta (1.015), mentre le province calabresi di Vibo Valentia (474 euro), Cosenza (469) e Crotone (419) fanno segnare il record negativo ben al di sotto della media italiana del comparto di 739 euro a famiglia.

Invia le tue segnalazioni a info@ragusaoggi.it