';

Qual è il migliore hashish legale?


La legalizzazione della cannabis tiene banco ormai da diverso tempo e nell’ultimo periodo si è ripreso a parlarne soprattutto per merito dell’iter parlamentare che ha lo scopo di depenalizzare i reati di detenzione e consumo di queste sostanze. In Italia ormai da qualche tempo è possibile acquistare diversi prodotti derivati proprio dalla cannabis come l’hashish light e la marijuana. Si tratta ovviamente di prodotti legali in quanto a loro interno la concentrazione di thc, il principio attivo che produce gli effetti psicotropi dei derivati della cannabis, al loro interno è davvero bassa. Ecco spiegato perché è possibile rivolgersi a rivenditori specializzati o negozi autorizzati, online e non per acquistare senza problemi il migliore hashish legale.

Hashish: origini del prodotto e caratteristiche

Si definisce hashish il prodotto ottenuto dalla cannabis e in particolare dal kief, la resina prodotta in modo del tutto naturale dai tricomi delle infiorescenze della canapa al momento della maturazione. La modalità di produzione è la causa della principale che determina la differenza con la marijuana che invece è ottenuta proprio dalle infiorescenze della pianta già sottoposte all’essiccazione. L’hashish contiene una percentuale maggiore di thc, compresa tra il 20% e il 60% ed è ciò che rende più elevati gli effetti psicoattivi della sostanza.

I prodotti derivati della cannabis sono considerati legali nel mercato italiano e spesso sono anche definiti “light” anche se questa denominazione non è del tutto ufficiale. Questa denominazione è utilizzata più che altro poiché non si vuol fare altro che identificare le sostanze che non hanno effetti stupefacenti. In merito è anche intervenuta la Legge n. 242 del 2016 a cui è seguito un decreto specifico del Ministero della Salute in cui è determinata la soglia massima di thc che può essere presente all’interno dei prodotti alimentari così da poter essere immessi sul mercato. Al di sotto di questa soglia i derivati della cannabis sono considerati del tutto legali e quindi privi di effetti psicotropi. La cannabis terapeutica inoltre può raggiungere concentrazioni anche superiori, in genere tra il 5% e il 22%.

Il miglior hashish legale: qual è

Una delle caratteristiche dell’hashish legale è la bassissima presenza di thc. Ne esistono poi diverse tipologie, tutte considerate legali. Il kief ad esempio è la tipologia due volte più potente rispetto alle altre di cannabis light e al suo interno sono presenti tutte le sostanze benefiche della canapa, compresi thc e cbd. Il kief si estrae dai tricomi, le ghiandole di resina che si trovano sui fiori e sulle foglie, si presenta come una polvere sottile e il colore può variare a seconda dei casi.

Un’altra qualità molto apprezzata è l’hash Marocco e cioè l’hashish di origine marocchina più richiesto. Questa varietà ha un colore dorato e può tendere all’ambrato. Per quanto riguarda l’odore, invece, questo è aromatico, fruttato e piuttosto intenso dando così vita a un mix decisamente sorprendente. Questa varietà ha origini antichissime e si è diffuso proprio in questa zona dell’Africa tra il 1300 e il 1400.