La spiaggia? E' sulla strada. La provocatoria denuncia del segretario cittadino del Pd di Vittoria Giuseppe Nicastro - Ragusa Oggi

La spiaggia? E’ sulla strada. La provocatoria denuncia del segretario cittadino del Pd di Vittoria Giuseppe Nicastro


Condividi su:


La spiaggia? E’ sulla strada. La provocatoria denuncia del segretario cittadino del Pd di Vittoria Giuseppe Nicastro
Politica
3 maggio 2021 10:02

La spiaggia trasportata in strada lungo la Riviera Gela a Scoglitti e il segretario del Pd, Giuseppe Nicastro, decide di piantare l’ombrellone e di prendere il sole per sensibilizzare la Commissione straordinaria di Vittoria a rimuoverne i cumuli al più presto.

Le spiagge siciliane saranno aperte a partire dal 16 maggio, così come comunicato dalla Regione. A Scoglitti, però, lungo la Riviera Gela, caso forse più unico che raro, è già possibile piantare l’ombrellone sulla sabbia. Dove? “Ma in strada, naturalmente – ironizza il segretario cittadino del Pd di Vittoria, Giuseppe Nicastro, che sulla circostanza ha realizzato un video che sarà diffuso sui social nelle prossime ore – perché continua ad essere invasa dalla sabbia e nessuno si occupa di rimuoverla. E’ una situazione complessa, che abbiamo denunciato più volte. E, però, è il caso di trovare una soluzione definitiva”.

Nicastro, per sensibilizzare la Commissione straordinaria a intervenire, ha collocato sui cumuli sabbia presenti in strada un ombrellone sotto cui ha sistemato una sedia a sdraio su cui si è accomodato. Accanto a lui, un militante del Pd che, distanziato, si è accomodato allo stesso modo sulla sdraio, sempre sulla sabbia presente in strada, allo scopo di prendere il sole, come se si fosse realmente in spiaggia.

“Si badi bene – prosegue Nicastro – che si sta parlando non di poca sabbia ma di veri e propri cumuli depositati lungo la sede stradale che oltre a formare degli ostacoli costituiscono un vero e proprio intralcio alla circolazione veicolare oltre a rappresentare un pericolo. Come Pd, chiediamo che il Comune di Vittoria possa finalmente dire la propria, una volta per tutte, sulla delicata questione e intervenire con decisione per far sì che la sabbia possa essere rimossa. Oppure davvero sembrerà che la spiaggia sia stata trasportata in strada e qualcuno potrebbe davvero pensare, come abbiamo fatto noi in maniera ironica, di utilizzare il lungomare come spiaggia in attesa che, dal 16 maggio, la stagione balneare sia dichiarata ufficialmente aperta”.


Condividi su:


Commenti

Post nella stessa Categoria