ChocoModica 2017, non è tutto oro quello che luccica


E’ in arrivo Chocomodica ma la manifestazione dedicata al cioccolato si è già trasformata in una patata bollente per l’Amministrazione comunale di Modica. Lo scorso anno, senza un bando, fu affidata la manifestazione ad un privato organizzatore, Giovanni Gambuzza, che, ad essere onesti, a pochi giorni dalle date annunciate riuscì a trovare sponsor e fondi per “salvare” la manifestazione. In cambio, però, l’Amministrazione comunale ha concesso l’organizzazione dell’evento anche per i prossimi due anni, cioè quest’anno e il prossimo anno.

Ma Gambuzza, che lo scorso anno è riuscito per miracolo a non andarci sotto, quest’anno si è fatto due conti e ha capito che il gioco non vale la candela soprattutto se si riducono sempre più i fondi pubblici. E così qualche settimana fa ha annunciato al Comune che non si sarebbe occupato dell’evento.

L’Amministrazione comunale di Modica è rimasta praticamente con un cerino acceso in mano. Da un lato le date già annunciate, per il ponte dell’Immacolata, dall’altra parte un evento tutto da organizzare e con scarse risorse economiche di partenza.

Non sono mancati i momenti di panico a Palazzo San Domenico ma alla fine si è scelta una soluzione, l’affidamento al Consorzio del Cioccolato che intanto è reduce dal confronto interno avuto dopo la trasmissione Rai “Report” che ha messo in discussione l’artigianalità del cioccolato di Modica.

Il Consorzio ha cercato di coinvolgere tutti i produttori di cioccolato ma alcuni hanno già dato il loro diniego a partecipare alla manifestazione soprattutto perchè si è in ritardo con la promozione che soccombe alle risorse limitate.

Intanto l’attesa da parte dei visitatori resta e ci si augura che tutto possa quadrare nel migliore dei modi. Quest’anno è stata immaginata una grafica che riproduce una barretta di cioccolato d’oro. La volontà di omaggiare il prodotto più celebre di Modica somigliante del resto al lingotto d’oro.

Il concept, ideato dall’agenzia Zero e corredato da un claim esplicativo (“L’oro vero di Modica”), vuole invitare a una riflessione pubblica sul “tesoro” (culturale, progettuale ed economico) che il cioccolato rappresenta per le comunità modicana e iblea. Un patrimonio su cui investire, per incrementare una crescita imprenditoriale e un virtuoso progetto di sviluppo turistico.

Il problema restano le risorse economiche perché di lingotti d’oro il Comune non ne ha e dunque si sta cercando di correre facendo buon viso a cattiva sorte. E’ stato messo su un programma che fungerà più da corollario agli stand piuttosto che da vera e propria attrattiva. Anche se qualche nome “altisonante” per fortuna non manca.

Ci sarà Antonio Caprarica che ha scelto lo scenario di Modica per presentare venerdi 8 dicembre il suo ultimo libro “L’ultima estate di Diana”. Sempre venerdi è previsto “ChocoRadio” un lungo concerto fiume trasmesso da RTM con quattro tra le più importanti cover band siciliane che si alterneranno sul palco. Al termine la discoteca all’aperto affidata a due emergenti deejays siciliani.

Un grande dello spettacolo calcherà il palco di Piazza Monumento sabato 9 dicembre: è Pino Insegno che sul palco sarà preceduto dalla Buldozzer Band, un omaggio agli immortali Bud Spencer e Terence Hill.

La domenica torna “Quando la Banda Passò”, il raduno di bande musicali in Sicilia che porterà a sfilare nel centro storico di Modica oltre 200 musicisti. Si canterà nel pomeriggio grazie al “Karaciok”, il karaoke in piazza condotto da Alex che vedrà sfidarsi aspiranti cantanti a caccia del consenso popolare. La sera  Viaggio nel musical, da Giulietta & Romeo a Dirty Dancing il meglio del musical internazionale con Marco Vito e Gaia Barlocco.

Insomma nonostante le difficoltà economiche, il Comune di Modica ce la sta mettendo tutta per portare a casa un buon risultato. Anche se, è chiaro, non è tutto oro quello che luccica.

Invia le tue segnalazioni a info@ragusaoggi.it