RICOSTITUITO L’ORGANISMO DI GESTIONE DELL’ASSOCIAZIONE ALLEVATORI DI RAGUSA


Circa trecento allevatori hanno lunedì mattino partecipato alla elezione del nuovo consiglio di amministrazione dell’associazione allevatori di Ragusa, che, a sua volta eleggerà il presidente ed altri organi dirigenti nel suo seno più un componente che dovrebbe essere designato dalla regione Sicilia. “Ho convocato questa assemblea – dichiara Salvatore Criscione – per effettuare il rinnovo delle cariche ed auspicare un celere ritorno alla normale gestione dell’organismo. Vogliamo a breve rinnovare anche lo statuto e creare i presupposti per un funzionamento ottimale della nostra associazione”.

Prima dei nomi degli otto componenti del consiglio di amministrazione vogliamo sottolineare come davanti alla sede dell’ispettorato agrario provinciale di via La Malfa abbia avuto luogo un sit-in di allevatori che protestavano anzitutto per la situazione di gravità del comparto agricolo e poi per la prolungata gestione commissariale dell’organismo. “E’ un segno di protesta civile – sottolinea Giovanni Belluardo, un dipendente Aras – quello che parte da Ragusa. Un segnale rivolto ai politici locali ma che è indirizzato alla regione. Ancora una volta chiediamo la fine del commissariamento, una fase che è da troppo tempo in stallo e che sta creando ingenti danni economici all’intero comparto agricolo. Siamo coscienti che il nostro gesto non porterà immediatamente ad un risultato ma ci aspettiamo almeno delle risposte dai nostri amministratori”.

Ecco i nomi degli eletti:

Salvatore Criscione che ha ottenuto 180 voti; Giovanni campo 101 voti; Giovanni Celestre 95; Rosario Tumino 83; Rosario Antoci 79; Emanuele Nobile 75; Giuseppe Licitra 72; Vincenzo Campo 74.

 

 

Invia le tue segnalazioni a info@ragusaoggi.it