MATTEO BELLI OVVERO MONOLOGHI GIULLARESCHI MEDIEVALI - Ragusa Oggi

MATTEO BELLI OVVERO MONOLOGHI GIULLARESCHI MEDIEVALI


Condividi su:


MATTEO BELLI OVVERO MONOLOGHI GIULLARESCHI MEDIEVALI
Cultura
30 gennaio 2011 7:08

Sarà Matteo Belli il protagonista dell’appuntamento con la VI edizione della rassegna teatrale Palchi DiVersi, organizzata dalla compagnia G.o.D.o.T. di Ragusa (direzione artistica di Federica Bisegna e Vittorio Bonaccorso) in programma venerdì 4 febbraio alle 21 al cine teatro Lumière di via Archimede 214 a Ragusa.

L’associazione “Ca’ Rossa” di Bologna porterà in scena lo spettacolo “Genti, intendete questo sermone” di e con Matteo Belli che darà vita a monologhi giullareschi medioevali e moderni puntando tutto sulla comicità. L’attore presenterà un florilegio di testi che metteranno in risalto la funzione drammatica della “parola giullaresca”, pensata fin dall’origine per la scena e non per la pagina scritta.

“Lo spettacolo è incentrato sul tema della comicità intesa come “la tragedia vista di spalle”. Si può ridere per un gioco di parole, per una battuta divertente, si può ridere per l’assurdo, per il non-sense, ma nessuno mai capirà veramente perché l’uomo ride. Tra monologhi classici e moderni, il giullare Matteo Belli ci conduce nel mondo della risata che è una delle espressioni più misteriose dell’uomo, anche perché è molto individuale, soggettiva”, dichiara Vittorio Bonaccorso.

Nel segno della comicità, dunque, Matteo Belli seguirà un percorso storico-filologico che parte dai brani poetici del XIII e del XIV secolo (“Rosa fresca aulentissima”, “Bisbidis”, “La nascita del villano”) per giungere ai brani scritti dallo stesso Belli, i quali fungono anche da cornice.

Belli accompagna con una preziosa e curata mimica la riproposizione dei componimenti poetici resa unica da una vocalità estremamente interessante e padroneggiata in tutte le sue virtuosistiche sfumature.

 


Condividi su:


Commenti

Post nella stessa Categoria