L'ARTE DELLA "MILA PLAVSIC" IN PIAZZA FARO - Ragusa Oggi

L’ARTE DELLA “MILA PLAVSIC” IN PIAZZA FARO


Condividi su:


L’ARTE DELLA “MILA PLAVSIC” IN PIAZZA FARO
Cultura
5 agosto 2011 8:12

Piazza Faro a P. Secca si è trasformata in una location unica per le allieve della Scuola di Ballo “Mila Plavsic” di S. Croce. Attorno alle 22,00 è iniziata una serata all’insegna della danza, che ci ha fatto conoscere tutti i generi nel dettaglio. Ad aprire “le danze” con il “Valzer dei Fiori” di Tchaikovschy, le allieve del corso preparatorio ed inferiore che si sono trasformate in tante farfalline gioiose che svolazzavano sul palco. Particolarmente apprezzata dal pubblico la coreografia della maestra Ivana Carnemolla sulle note di “Smooth Criminal” di Micheal Jackson; infatti le danzatrici del corso superiore hanno voluto esibirsi nuovamente per soddisfare al meglio il pubblico prima della conclusione. Ma l’atmosfera si è surriscaldata anche con la coreografia sulle note di “School of Rock” tratto dall’omonimo film, che ha trasformato le più piccole in vere e proprie icone del rock con tanto di chitarra e look rockettaro.

Tutti i balletti presentati al grande pubblico di P. Secca sono riusciti a stupire e ad emozionare gli spettatori. E’ chiaro che si celano tante ore di preparazione e di studio delle ballerine; infatti ieri prima delle performances tutte le allieve dalle 19,00 circa hanno continuato con le loro prove anche in Piazza Faro. La loro bravura e passione si è unita al lavoro ineccepibile dei maestri Leandro Gravina, Vladan Jovanovic, Renata Guastella e Ivana Carnemolla. Necessario ricordare anche l’anima della scuola di ballo: la Signorina Giovanna La Terra, infatti, si dedica costantemente con dedizione a tutte le allieve e cerca sempre di farle migliorare con consigli, ma si è occupata anche della macchina organizzativa e di tutti i piccoli e sfuggenti dettagli. Il lavoro della Scuola di ballo “Mila Plavsic” di S. Croce non finisce qui; infatti dal 15 settembre riprenderanno le iscrizioni per far nascere ancora delle piccole, ma grandi ballerine. 

 


Condividi su: