';

La tragedia greca tra il barocco di Ragusa Ibla con la sesta edizione del festival “3drammi3”


Donne e mito. Barocco e tragedie greche. Un incrocio di emozioni, un intreccio di storie di ieri e di oggi. Ragusa Ibla torna a ospitare il Festival ibleo della tragedia greca “3drammi3” che dal 29 al 31 luglio vivrà la sua sesta edizione. Organizzata dal Teatro Donnafugata, in stretta sinergia con l’Inda e con l’Adda di Siracusa, con la direzione artistica delle sorelle Vicky e Costanza DiQuattro, la manifestazione gode del contributo della Regione Siciliana – Assessorato Turismo, Sport e Spettacolo, del patrocinio dell’Assessorato agli Spettacoli del Comune di Ragusa e della collaborazione attivata con la Facoltà di Lingue dell’Università degli Studi di Catania e con il Libero Consorzio Comunale di Ragusa.

Quattro gli appuntamenti in programma, tra spettacoli, conversazioni e reading, in compagnia di grandi nomi del teatro nazionale, per un festival dedicato come sempre alla grecità con una particolare attenzione quest’anno alle eroine dell’antichità.

Si inizia giovedì 29 luglio alle ore 20.30 al Cortile dell’Università con lo spettacolo “Medea” di Seneca, con la regia di Carmelinda Gentile, in scena assieme agli attori del Korego Theater Group, una compagnia di italiani residenti in Olanda che ha ricevuto diversi riconoscimenti tra cui il premio Comites Per la Cittadinanza Attiva.

Il giorno dopo, venerdì 30 luglio, doppio appuntamento: alle 19.00, al Palazzo Arezzo di Donnafugata la presentazione del libro “Pietre d’Incanto”. Cronaca di una stagione e altre visioni (ed VerbaVolant), di Antonio Calbi, sovrintendente Inda che, sollecitato dalle domande del giornalista e critico Carmelo Arezzo, guiderà il pubblico in un viaggio fra realtà presente e visioni future, nelle ragioni e nelle pratiche del teatro, con uno sguardo allargato su Siracusa, sulla bellezza del passato, affanni di oggi, utopie di domani. Alle 20.30, sempre al Palazzo Arezzo di Donnafugata, lo spettacolo “Nel Ventre” di Stefano Panzeri, la narrazione, sul mito della guerra di Troia, ma anche un focus sulla paura, sull’attesa, sul dover essere, sul dubbio e sul dover scegliere.

Infine sabato 31 luglio, alle ore 20.30, i Giardini Iblei ospiteranno il reading “Prigioniere di un mito: quando la vita diventa simbolo”, dedicato alle più belle variazioni sul mito, con particolare riguardo alle sue protagoniste femminili, da Elettra ad Antigone, da Medea a Circe. Protagonista il bravissimo Pippo Pattavina, accompagnato dallo straordinario Marco Zurzolo Quartet.

“Il Festival 3drammi3 è ormai diventato un appuntamento fisso dell’estate iblea – commentano le direttrici artistiche Vicky e Costanza DiQuattro – e anche quest’anno proporrà un programma raffinato e intenso con ospiti di rilievo. Si rafforza il connubio con l’Inda di Siracusa: un ponte ideale che ha saputo scardinare l’idea della tragedia legata solo al teatro classico e che viene invece inserita in un contesto diverso, di certo non meno intenso. La nostra Ragusa Ibla si conferma scenario ideale per accogliere gli appuntamenti e per stimolare riflessioni, introspezioni, emozioni altre rispetto a quelle che la location classica sa sviluppare. Felici insomma di tornare a essere la casa del teatro greco per un intero fine settimana”. Gli appuntamenti sono gratuiti, ad esclusione dell’ultimo, ma a numero chiuso, previa prenotazione su www.teatrodonnafugata.it. Info: 334.22.08.186 o info@teatrodonnafugata.it