Dante a Ragusa: presentato il libro “A superar lo Inferno” di Simone Terreni


Una platea inchiodata alla sedia, nella serata di domenica 18 settembre, per la presentazione del libro di Simone Terreni “A superar lo Inferno”, svoltasi a Ragusa Ibla presso la sede dall’associazione culturale San Bartolomeo.
Il libro edito dalla casa editrice TreFoglie (Flaco Edizioni) è un manuale di crescita personale e professionale, scritto in onore del Poeta Dante Alighieri e della Divina Commedia, patrimonio dell’umanità.
L’interpretazione è originale: Dante nel mezzo del suo cammino è guidato da Virgilio, assimilato ad un coach capace di far scorgere i mali e i vizi dell’umanità, al fine di orientare verso un percorso di cambiamento. Infatti, solo specchiandosi tra le tenebre dell’inferno sarà possibile prendere coscienza di sé e “rivedere le stelle”.

Lo scrittore toscano, ma di origini iblee, ha declamato i versi del VI canto dell’inferno, in cui sono puniti i golosi, e ha svelato alcuni particolari legati al suo sforzo letterario “A superar lo Inferno”, teso a mostrare tutta la modernità di Dante. L’ex chiesetta di San Bartolomeo è rimasta incantata dalla performance recitativa di Simone Terreni e da un sentire che parla dritto al cuore: i telefonini sono stati finalmente deposti e il pubblico è rimasto “bloccato” sulle sedie in religioso silenzio.

A dare ragione a questa visione di “Dante contemporaneo e uomo tra gli uomini” non solo una sala emozionata e coinvolta, ma anche il poderoso seguito dei tanti lettori, dei followers e dei likes sui social media.

In proposito e a riprova del fatto che la tecnologia non va mai demonizzata è possibile consultare su Tiktok, social network molto amato tra i ragazzi, una sorta di “Divina Commedia in pillole” di Simone Terreni: un minuto a canto, 100 canti in 100 video per un totale di 100 minuti a settimana.

Simone Terreni, ingegnere e Imprenditore Digitale, Managing Director di VoipVoice, e CEO & Founder di Inside Factory, recentemente è salito agli onori delle cronache nazionali per aver normalizzato l’assunzione di una collaboratrice in gravidanza, rendendo viva la tematica dell’accesso al lavoro delle donne, troppo spesso vittime di stigmi silenziosi nel sottobosco delle imprese italiane.

A dialogare con l’autore sono stati Carla Armenia, Andrea Iurato e Giovanni Gurrieri, appassionati di libri e impegnati nella creazione di una rete più sensibile alla tutela e alla valorizzazione del patrimonio culturale. Presente all’evento anche la Libreria Flaccavento di Ragusa.
Pertanto e in risposta al lungo periodo di stasi pandemica che ha impedito il confronto e rallentato le relazioni, l’associazione San Bartolomeo a breve pubblicherà un ciclo di incontri con autore e a cura di Andrea Iurato.

Invia le tue segnalazioni a info@ragusaoggi.it