ANCE "SUI CREDITI DELLE IMPRESE SERVE CHIAREZZA" - Ragusa Oggi

ANCE “SUI CREDITI DELLE IMPRESE SERVE CHIAREZZA”


Condividi su:


ANCE “SUI CREDITI DELLE IMPRESE SERVE CHIAREZZA”
Italia
20 giugno 2019 17:34

ROMA (ITALPRESS) – “Noi non siamo più disponibili ad accettare norme che non siano chiare e precise su quando e come vengono pagate le imprese. Perché leggi che lascino senza termini prefissati, che non diano chiare indicazioni o demandino a decreti attuativi le autorizzazioni, a noi non interessano più, siamo ormai arrivati al capolinea”. E’ perentorio in un’intervista all’ITALPRESS il presidente dell’Ance, Gabriele Buia, di fronte alle contraddizioni emerse nel decreto Crescita (appena rinviato dall’Aula della Camera in commissione) sull’emendamento che istituisce il fondo di solidarietà per le imprese creditrici, eliminando però i termini del pagamento urgente e scaricando sulle imprese l’onere di dimostrare il credito stesso. Lo stesso Buia nei giorni scorsi aveva sollecitato l’introduzione di quel fondo ma ora alza la guardia, perché “senza immediatezza e concretezza – dice – non serve a niente e nessuno”.

“Non possiamo più permetterci che le imprese chiudano e si continuino a perdere posti di lavoro e professionalità. Spero che su questo ci sia una sensibilizzazione del legislatore”, sottolinea Buia, che in merito alla prospettiva di un aumento dell’Iva afferma: “Se la sterilizzazione delle clausole di salvaguardia (23-24 miliardi) arrivasse a scapito degli investimenti, noi non siamo d’accordo, e lo abbiamo sempre detto, perché penalizzerebbe ancora di più la crescita. E’ chiaro che il governo dovrà prendere una decisione dopo le ferie, quando si comincerà a parlare di legge di bilancio, e lì dovremo avere dei riscontri in base alla discussione di questi giorni con l’Europa. Su questo dobbiamo essere molto attenti: non possiamo permetterci oggi una tensione con l’Europa che porterebbe al rialzarsi del differenziale con i bund tedeschi, perché questo danneggerebbe la fiducia degli investitori e gli investimenti nostri, che sono due elementi essenziali non solo per il mondo delle costruzioni ma per il sistema Italia”.

(ITALPRESS).


Condividi su:


Commenti

Post nella stessa Categoria