Aggiunti altri 200 milioni di euro per il raddoppio della Ragusa – Catania. Ieri il decreto del commissario Musumeci. Gara entro l’anno. Soddisfatta l’Ance


Altri 200 milioni di euro per il progetto di raddoppio della Ragusa – Catania. Sono quelli che, nero su bianco, sono “apparsi” ieri sulla Gazzetta Ufficiale della Regione Siciliana. Più esattamente è il decreto commissariale che prevede l’incremento di 196.911.175,35 € e l’importo complessivo sale dunque a 1.434.485.348,93 € (totale per i 4 lotti) con obbligo di assegnare i lavori entro il 31 dicembre di quest’anno, data in cui, tra l’altro, se superata potrebbe causare grossi problemi perché scadrebbero gli impegni per alcune di queste somme.

Una notizia, quella che è direttamente collegata al presidente dimissionario della Regione, Nello Musumeci, nella sua qualità di commissario straordinario dell’opera, che viene salutata positivamente dall’Ance, l’associazione costruttori edili che aveva sollevato, come altri organismi, titubanze sulla congruità dell’appalto precedente, rinviato più volte fino poi ad essere revocato. Si potrà dunque andare verso un nuovo appalto che Anas dovrà, così è scritto sulla gazzetta ufficiale, esperire entro quest’anno.

“Adesso ci sono tutte le condizioni per vedere l’opera non solo appaltata ma anche portata a termine! – dichiara il presidente di Ance Ragusa, Giorgio Firrincieli – L’incertezza dovuta all’eccezionale e non prevedibile aumento dei prezzi dei materiali e noli (…e mano d’opera), dovuti principalmente alla guerra scatenata dalla Russia nei confronti dell’Ucraina, aveva indotto l’Ance nazionale e le maggiori imprese di costruzioni italiane ad impugnare il Bando innanzi al Tar in quanto l’appalto non era ritenuto congruo nei valori economici e ciò metteva a repentaglio la realizzazione dell’opera con evidenti contenziosi che, nei fatti, avrebbero bloccato per decenni l’importante infrastruttura”. Il decreto commissariale apparso ieri in gazzetta riguarda i quattro lotti del raddoppio della SS514 e SS194.

“Con lungimiranza – prosegue ancora Firrincieli – la struttura commissariale ha ritirato il vecchio bando, facendo decadere l’oggetto del nostro ricorso, ed ha approvato il nuovo quadro economico che prevede un incremento di circa 200 milioni di euro rispetto al progetto precedente. Ora la palla è stata portata all’Anas la quale, con solerzia, deve pubblicare il bando ed aggiudicare in tempi rapidissimi la gara anche perché l’affidamento deve avvenire entro l’anno pena la revoca di una parte considerevole dei fondi. Le nostre imprese sono già al lavoro per studiare i nuovi valori d’appalto e presentare così le migliori offerte. Dopo più di trent’anni mi sento di poter affermare che, oggi, l’iter sul raddoppio della Ragusa-Catania si è concretamente messo in moto in maniera corretta e la nostra terra avrà quel collegamento sicuro e moderno di cui abbisogna”.

Il presidente Firrincieli manifesta in tal modo il sentimento di soddisfazione per il risultato acquisito che, nei fatti, porterà ad avere le imprese aggiudicatarie delle quattro gare entro il prossimo 31 dicembre. Il tracciato che interessa la nostra provincia, denominato lotto 1, si sviluppa interamente all’aperto per circa 12,8 km in rilevato e 5,1 km in trincea, e comprende 2 svincoli, 1 viadotto e 5 cavalcavia, per un importo complessivo di € 288.644.232. Che sia la volta buona in questa continua corsa ad ostacoli?
fonte La Sicilia – Michele Barbagallo

Invia le tue segnalazioni a info@ragusaoggi.it