Un uccello che si credeva estinto è stato avvistato su un’isola della Papua Nuova Guinea dopo oltre due secoli


Il piccione faggiano dal pelo nero sopravvive. Erano passati 140 anni da quando un esemplare di questa specie era stato avvistato nel 1802, ma poche settimane fa una spedizione scientifica ne ha confermato l’esistenza in una remota foresta di un’isola della Papua Nuova Guinea.

Lo dimostrano un video e diverse fotografie. La sorprendente scoperta ha commosso gli scopritori: ” È stato come scoprire un unicorno “. Non si sa quanti esemplari rimangano di questa sottospecie di piccione faggiano, il cui nome scientifico è Otidiphaps nobilis insularis , ma è chiaro che è in grave pericolo di estinzione, e che il suo areale di distribuzione è probabilmente limitato ad un piccolo angolo dell’isola di Fergusson, costituito principalmente da zone montuose e foreste tropicali. La spedizione alla ricerca di questo uccello è stata effettuata a settembre.

È stata co-guidata da Jordan Boersma del Cornell Lab of Ornithology della Cornell University di Ithaca, New York, che spiega che per gran parte del viaggio sembrava che non ci sarebbe stata alcuna possibilità di trovare l’uccello. In effetti, fu verso la fine del viaggio che fu registrata la scoperta. “Eravamo a soli due giorni dalla fine del nostro soggiorno sull’isola di Fergusson quando una delle nostre telecamere remote ha registrato l’uccello che camminava e sventagliava la coda”, spiega Boersma. I ricercatori sono stati in grado di scattare foto e video di questo grande uccello terrestre con un dorso color ormeggio, testa e corpo neri e una coda che oscilla come quella di un faggiano. I membri della spedizione sospettano che nell’entroterra dell’isola di Fergusson esistano solo esemplari della specie.

“È un terreno geotermico caldo ed estremamente accidentato, intrecciato con fiumi tortuosi e denso di insetti pungenti e sanguisughe”, spiega la Cornell University.”Un’esperienza da fare almeno una volta nella vita”.”Dopo un mese di ricerche, vedere quelle prime foto del piccione faggiano è stato come trovare un unicorno “, ricorda Mittermeier. ” È il tipo di momento in cui sogni tutta la tua vita come ambientalista e osservatore di uccelli “, aggiunge. Il piccione faggiano dal pelo nero è in gran parte sconosciuto agli scienziati. Era stato visto l’ultima volta nel 1883. Si sa molto poco di questa specie, a parte due esemplari raccolti nel 1882. È sopravvissuto nella memoria degli abitanti dell’isola, che ne hanno conservato il nome, ‘ Auwo ‘, e tante storie e leggende di cui è protagonista. Non ci sono registrazioni dei suoi suoni, anche se i ricercatori ritengono che probabilmente suonerà simile a una diversa specie di piccione faggiano sulla terraferma della Papua Nuova Guinea, un suono che la gente del posto paragona al “grido disperato di una donna ostracizzata per la sua comunità”.

Proprio la conoscenza indigena è stata la chiave del successo della spedizione. Diversi locali hanno commentato di aver sentito il piccione faggiano dal pelo nero. E Doka Nason, un esperto di uccelli locale, si è unito alla ricerca e ha consigliato alla squadra dove cercare. Nason ha anche installato la telecamera che ha finalmente registrato l’uccello. “Quando ho visto le foto, ero incredibilmente eccitato”, ricorda. “Stavo saltando in giro urlando: ‘Ce l’abbiamo fatta!'”, esclama. “È stata un’esperienza irripetibile lavorare con gli isolani di Fergusson per trovare il piccione faggiano e tenere discorsi nelle scuole e nei villaggi sulla nostra ricerca è stato un punto culminante”, ha detto Jason Gregg, un altro capo spedizione. “I bambini sussurravano il nome locale dell’uccello, ‘ Auwo ‘, e tutti ne parlavano. Sono così felice di sapere che questa specie sopravvive e offre opportunità per imparare ancora di più su di esso e sulla sua fantastica casa”. commenta Gregg.

Ma gli ambientalisti sono preoccupati per il futuro della specie . Il principale proprietario terriero della zona in cui è stato trovato l’uccello ha spiegato alla squadra di ricerca di aver appena firmato un accordo con una società di disboscamento , una mossa che potrebbe distruggere l’habitat del faggiano dal pelo nero e provocarne l’estinzione. Il team è alla ricerca di fondi per poter tornare a Fergusson e provare a scoprire quanti ne sono rimasti. “Il motivo per cui mi importa, perché penso che dovremmo preoccuparci tutti, è che questo uccello ha significato qualcosa e continua a significare qualcosa per la popolazione locale “, dice Boersma. “Questa specie fa parte delle loro leggende e della loro cultura. Se la perdiamo, il suo significato culturale andrà perso insieme al ruolo che svolge in questo fantastico ecosistema “, aggiunge. Anche la comunità locale era molto entusiasta della scoperta.. Questa riscoperta è un incredibile faro di speranza per altri uccelli che si sono persi da mezzo secolo o più e ci fanno credere che sia possibile rintracciare altre specie ritenute scientificamente perse per decenni o più. Tutto ciò evidenzia come la natura sia più resiliente di quanto crediamo, e che non dobbiamo mai darci per vinti nella battaglia per la sua salvaguardia.

Invia le tue segnalazioni a info@ragusaoggi.it