IN CORSA SULLA ROCCAZZO/CHIARAMONTE CON AUTO RUBATA


La polizia stradale di Ragusa, diretta dal Vice Questore Aggiunto Gaetano Di Mauro, ha deferito alla locale Procura tre nisseni per il reato di ricettazione in concorso, per aver utilizzato, durante un rally a Chiaramonte Gulfi, una vettura sulla quale era stato installato un cambio proveniente da  una macchina rubata nel 1998.

In particolare, l’attività investigativa prende spunto da un sequestro effettuato cinque mesi addietro, il 10 settembre, quando a Chiaramonte Gulfi si stava organizzando la cronoscalata.

A seguito di numerosi esposti di cittadini e di autorità locali che lamentavano che nei giorni prima della cronoscalata, soprattutto nelle ore serali, in tanti erano soliti provare il circuito, mettendo a repentaglio l’incolumità dei passanti e dei veicoli in transito, sono stati predisposti da questo ufficio dei servizi mirati a prevenire tale fenomeno.

Nella serata di giorno 10 settembre, il giorno prima dell’inizio della manifestazione sportiva, veniva fermata una vettura da competizione che stava procedendo a forte velocità sulla strada comunale facente parte del circuito.

Al controllo, il mezzo risultava privo di targhe, di assicurazione e di revisione, pertanto il conducente veniva sanzionato per l’importo complessivo di 1329 euro e gli veniva sequestrato il mezzo per le citate violazioni amministrative.

Dagli accertamenti successivi, emergeva che alcune parti meccaniche montate sulla macchina sequestrata provenivano da altre auto ed, in particolar modo, il cambio, da una vettura rubata molti anni fa ad un reggino.

A seguito di quest’ultimo accertamento, nella giornata di ieri, sono stati denunciati alla locale Procura sia il pilota che i proprietari della vettura sportiva, per il reato di ricettazione.

Invia le tue segnalazioni a info@ragusaoggi.it