Lorenzo Lauria si dimette da Slow Food Sicilia. Resta fiduciario a Ragusa - Ragusa Oggi

Lorenzo Lauria si dimette da Slow Food Sicilia. Resta fiduciario a Ragusa


Condividi su:


Lorenzo Lauria si dimette da Slow Food Sicilia. Resta fiduciario a Ragusa
Food
19 aprile 2021 16:32

Lorenzo Lauria si dimette da Slow Food Sicilia. Resta però fiduciario di slow food a Ragusa.

Di seguito, la sua lettera di dimissioni:

“Dimissionari, accusatori e Vittime! Poi arrivano i salvatori, la dinamica è sempre la stessa, e lo spirito dell’associazionismo svanisce a tutti i livelli, dimenticando la nostra identità. Ebbene la Sicilia è anche questa! Il silenzio in non poche occasioni è un modo, anche un valore, per capire cosa è andato bene e cosa meno.

E invece questo principio “slow” in questi ultimi mesi e giorni non è stato rispettato neanche da un “salvatore” nazionale che doveva essere imparziale e che ha invece ri-sottolineato il “non è stato sfiduciato” o frasi del tipo “suo malgrado”.

Nessuna parola in più sulle ragioni dei dimissionari. Qualcuno ci ha detto che abbiamo sbagliato, altri che volevamo approfittare. Altri ci hanno anche ammonito dicendoci che potevamo sfiduciare! Tensioni su tensioni. Risultato: Il congresso del 17 aprile ha avuto come esito una divisione, se non spaccatura, in due della Sicilia, tra coloro che hanno scelto la continuità e coloro che hanno cercato la discontinuità. Alla fine ha vinto per pochissimi voti, cinque, la continuità. Personalmente, adesso lo posso esplicitare a giochi fatti, nonostante non fossi candidato, ero per il cambiamento di uno stile di associazionismo che si era concretizzato qui in Sicilia con le dimissioni di 4 componenti su 7, e tra questi c’ero io.

Le dimissioni, ancora attendiamo la formalizzazione delle stesse, qualcuno le ha interpretate come un modo per ottenere chissà che cosa, perché imminenti alla scadenza di mandato. Rispondo: Nulla! E mi domando: Chissà perché si deve sempre trovare una motivazione che avvantaggi qualcuno! A questa famosa domanda, “A chi giova?”, rispondo: “al cambiamento della nostra cultura individualista !!!” Questo dovrebbe essere non un’accusa, ma un invito al miglioramento, un’opportunità di cambiamento!

Ognuno di noi è impegnato nel proprio lavoro e Slow Food è un’associazione che si fonda anche nella condivisione, grazie al progetto delle comunità. Tuttavia richiede anche delle severe regole di gestione, di controllo, soprattutto quando si amministra un territorio come una Regione. Alla domanda “A chi giova ?”, rispondo all’associazione che deve partire dal basso, dal territorio ! Lo stesso Petrini ammonì, nell’ultimo Congresso Nazionale, coloro che pensano di trarre vantaggi personali con Slow Food…. “Chi lo pensa sbaglia! Slow Food è un’altra cosa!”.

La nostra associazione non è un partito ne tanto meno un posto di lavoro. Tuttavia, un ruolo passivo in un Comitato Regionale, come quello che ricoprivo, o addirittura quello in eccesso di altri colleghi, era inaccettabile, con l’aggravante che le emozioni negative provate non riuscivamo a comunicarle ai tanti associati per il bene e la serenità delle nostre comunità. A quest’ultimi , come accade un po’ ovunque, era visibile, purtroppo, la solita punta dell’iceberg fatta di soliti elenchi puntati.

Auguro, oggi, alla Sicilia Slow di ripartire con un altro stile, quello dell’unione e della condivisione. Ho visto tanto entusiasmo in molte persone, e questo fa ben sperare. Auguro, altresì, ai tanti amici siciliani, e anche a me, credenti nei valori fondanti dell’associazionismo, di essere vigili, di saper dire anche “NO”.

Non preoccupiamoci di mettere paletti, confini in coerenza con quello che diciamo e facciamo. Operiamo in modo che si serva l’associazione e non ci si serva di essa. Sbagliare è umano, migliorarsi e ricadere nell’errore è possibile, ma la coerenza resta un’arma in grado di stanare i falsi moralisti. Adesso è il momento di lavorare
per Slow Food, allontanando il “vittimismo” e i “salvatori seriali”, perché il cambiamento, seppur difficile, è possibile.
Un caro saluto e un ringraziamento ai tanti che credono nel riscatto della nostra terra!”


Condividi su:


Commenti

Post nella stessa Categoria